martedì 25 novembre 2008

Da dove cominciare?

Benvenuti.
La vicenda del "mostro di Firenze" ha inizio a Lastra a Signa nell'agosto del 1968 con l'omicidio di Barbara Locci ed Antonio Lo Bianco. Una terribile catena di omicidi che si conclude nel 1985 con 16 giovani vittime.
A 40 anni dal primo duplice omicidio, le indagini proseguono tutt'oggi, per quanto opinione pubblica ed inquirenti abbiano perso, ormai da tempo, ogni speranza di assicurare alla giustizia il serial killer di una delle più sanguinose vicende della cronaca nera italiana.

Gli omicidi:
22 agosto 1968 - Barbara Locci e Antonio Lo Bianco
14 settembre 1974 - Stefania Pettini e Pasquale Gentilcore
6 giugno 1981 - Carmela De Nuccio e Giovanni Foggi
22 Ottobre 1981 - Susanna Cambi e Stefano Baldi
19 giugno 1982 - Antonella Migliorini e Paolo Mainardi
9 Settembre 1983 - Rusch Uwe Jens e Horst Meyer
30 luglio 1984 - Pia Rontini e Claudio Stefanacci
07 settembre 1985 - Nadine Mauriot e Jean Michel Kravechvili

La pista sarda:
Salvatore Vinci
Francesco Vinci
Antonio Vinci
Stefano Mele
Giovanni Mele
Piero Mucciarini

I compagni di merende:
Pietro Pacciani
Mario Vanni
Giancarlo Lotti
Fernando Pucci
Giovanni Faggi

I testimoni:
I testimoni o Persone informate sui fatti (p.i.f.) sono così suddivise:
- P.i.f. Pista sarda (dal 1968 al 1989)
- P.i.f. Pacciani (dal 1985 al 1998)
- P.i.f. Compagni di merende(dal 1996 al 1999)
- P.i.f. Pista esoterica (dal 1991 al 20...)
Questa semplicistica suddivisione segue le indagini degli inquirenti che nel corso degli anni hanno cercato, in ambienti diversi, il movente per i duplici omicidi attribuiti al "mostro di Firenze".Tra questi ci sono, evidentemente, persone che dicono di aver visto, che hanno creduto di vedere o che avrebbero tanto voluto vedere qualcosa.

Le udienze:
Al momento sono disponibili solo alcune trascrizioni delle udienze relative al processo d'appello per i delitti del "mostro di Firenze" davanti alla prima sezione della Corte d'Assise d'Appello di Firenze, e del Processo Pacciani, conto di inserire tutte le altre appena si renderanno disponibili.

Nessun commento: