Social Icons

.

giovedì 31 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Tredicesima parte

Segue dalla dodicesima parte.

Presidente: Va bene. Senta, un'altra domanda. Lei ha detto, rispondendo a una domanda, ora non mi ricordo di chi, ma in ogni modo, quando fu commesso il delitto di Vicchio...
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: ... Vicchio, cioè prima che si commettesse il delitto di Vicchio, lei ha detto: fui io che ne parlai della Panda celeste della coppia dei ragazzi al Vanni, perché il Vanni m'aveva detto...
Giancarlo Lotti: Di fare un...
Presidente: ... che se vedevo qualche coppietta, qualche macchina di segnalarlo. Ecco, volevo sapere: questo discorso che le avrebbe fatto il Vanni, quando glielo ha fatto, prima dei delitti di Baccaiano, di Giogoli, di Vicchio...
Giancarlo Lotti: Questo...
Presidente: ... o gliel'ha fatto...
Giancarlo Lotti: L'hanno fatto sempre prima che venisse...
Presidente: Prima che facesse i delitti.
Giancarlo Lotti: Sì, sempre prima.
Presidente: Cosa gli disse il Vanni?
Giancarlo Lotti: Di vede' se c'era una macchina ferma, così. Per riferillo a loro.
Presidente: Questo prima di tutti i delitti?
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Prima di Baccaiano avvenne questo qui. Baccaiano è il primo delitto - io sto alle sue parole, al discorso che ha fatto lei - Baccaiano è il primo delitto al quale partecipa lei. Va bene? Sia pure in quella veste lì. Ecco, quando avvenne il delitto di Baccaiano, Vanni già gli aveva fatto questo discorso?
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Senta, veniamo a Baccaiano. Lei arrivò su quel tratto rettilineo di strada, no?
Giancarlo Lotti: Non tanto distante... una cosa giusta.
Presidente: Aspetti. Lei abitava in quella zona, 7-8 chilometri m'ha detto, ha spiegato, a Ponte Rotto, no?
Giancarlo Lotti: A Ponte Rotto son diversi chilometri, scusi.
Presidente: Ho capito, ho capito. Ma non importa. Saranno 7, 10, 30. Non importa, non è quello che interessa a me. Lei ci arrivò dal lato di Baccaiano o dal lato di Tavarnelle?
Giancarlo Lotti: No, San Pancrazio, si scende giù e c'è quel pezzo di strada che hanno rifatto novo. Presidente: Insomma, voi andaste verso Baccaiano e poi vi fermaste o no?
Giancarlo Lotti: Da San Casciano si scende giù così, poi si fa Ponte Rotto, San Pancrazio e si gira e si vien giù.
Presidente: E si arriva al posto del delitto.
Giancarlo Lotti: Poi si scende verso...
Presidente: No, no. Si arriva al posto del delitto, dove c'era quella coppiettina, eccetera. Proseguendo in do' si va? verso Baccaiano o no?
Giancarlo Lotti: Verso Baccaiano.
Presidente: Verso Baccaiano.
Giancarlo Lotti: Baccaiano gl'è distante.
Presidente: Questo serve per capire la direzione.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Lei è andato sul posto coi Carabinieri, col Pubblico Ministero, non so.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: E ha detto dov'era la macchina dei due giovani...
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: ... sfortunati giovani...
Giancarlo Lotti: Quando l'è la prima volta che poi la seconda volta...
Presidente: Poi ha detto dove si fermò il Pacciani e dove si fermò lei. Lei si è fermato prima della macchina dei giovani, sulla sinistra della strada.
Giancarlo Lotti: Però la macchina l'era da parte di là.
Presidente: Sì, lo so. E il Pacciani si è fermato oltre la macchina dei due giovani.
Giancarlo Lotti: Sì, un po' più avanti.
Presidente: Più avanti. Perché lei si fermò a questa... Lei sapeva, quindi l'ha già risposto prima, comunque...
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: ...lei sapeva che andavano a ammazzare i due giovani? Lo sapeva, no?
Giancarlo Lotti: Sì, me l'avevano bell'e riferito innanzi.
Presidente: Benissimo. Quel che voglio sapere io. Ora veniamo alla piazzola. La macchina è ferma, questi due giovani... è ferma. Lei è rimasto alla sua macchina o si è avvicinato?
Giancarlo Lotti: No, mi sono avvicinato... non proprio vicino, insomma, un pochin... insomma non tanto.
Presidente: Si è avvicinato sullo stesso lato dove ha messo la sua macchina o è passato dalla parte opposta?
Giancarlo Lotti: No, mi son avvicinato sempre dalla parte della macchina mia.
Presidente: È andato un po' avanti.
Giancarlo Lotti: Più avanti.
Presidente: Senta, la macchina, quella dei giovani, dei due ragazzi, aveva le luci accese o le aveva spente?
Giancarlo Lotti: Eh, questo qui un me ne ricordo. Un mi ricordo di preciso se 1'erano accese o no.
Presidente: L'ha viste accendere? Era buio o no? Questo un si ricorda, se era buio...
Giancarlo Lotti: L'era un pochin nascosta la macchina, sicché...
Presidente: Se uno avesse le luci accese, si vede, insomma, il bagliore si vede.
Giancarlo Lotti: Sicuro che 1'erano accese, un son sicuro. Può darsi spente di certo.
Presidente: Allora, facciamo un'altra domanda. Quando la macchina, secondo lei, ha fatto marcia indietro, è andata a rinculo da...
Giancarlo Lotti: Dopo che gl'hanno...
Presidente: ... piazzola verso la parte opposta...
Giancarlo Lotti: Come fosse lì e si sposta da quella parte.
Presidente: E andava a marcia indietro. Aveva le luci accese o no?
Giancarlo Lotti: Sì, luci accese... qualcheduna ne aveva accese.
Presidente: Qualche luce accesa.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Eh?
Giancarlo Lotti: Qualche luce accesa, sennò se arrivava macchine...
Presidente: Non lo so. Cosa ha visto lei.
Giancarlo Lotti: Io avevo visto qualche luce.
Presidente: Si può anche attraversare la strada al buio, non è detto che ci vuole la luce per forza. Cosa ha visto lei.
Giancarlo Lotti: Lo so, ma se parte qualche macchina...
Presidente: Qualche macchina. Quelli stavano per morire, figurati se pensano alla macchina che sta per arrivare. Voglio dire, lei l'ha vista la macchina con le luci accese o no?
Giancarlo Lotti: Io ho visto qualche luce accese c'erano. O se l'eran piccole...
Presidente: Ha visto che aveva le luci accese.
Giancarlo Lotti: Una lucina l'ho vista accesa.
Presidente: Senta, poi la macchina si è fermata lì. Lei si è avvicinato prima di andare a vedere questa macchina o no?
Avvocato Filastò: Presidente, in precedenza ha detto che erano spente, eh?
Presidente: Sì, sì.
Avvocato Filastò: Per contestarglielo, eh.
Presidente: Sì.
Avvocato Filastò: Ora, se ci vuol dire perché oggi dice così, diverso rispetto a quel che ha detto un minuto fa...
Giancarlo Lotti: Io un son sicuro se c'era acceso o no. Ho detto così...
Avvocato Filastò: Ha detto che erano spenti, questo glielo dico io perché abbiam consultato in questo momento il verbale, e quando gliel'ho chiesto io, ha detto che erano spenti. Ci spiega perché oggi dice che erano accesi?
Giancarlo Lotti: Ma un son sicuro se l'erano accesi o no.
Avvocato: Mi perdoni Presidente, vorrei precisare: lui non ha detto che erano sempre spenti; all'inizio erano spenti...
Presidente: Sì, ho capito. Ho capito. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Lui ha detto che erano accesi nella fase di spostamento.
Avvocato: Nella fase di spostamento.
Presidente: Bene.
Avvocato: Ha chiarito...
Presidente: Voglio sapere un'altra cosa io. Quando si è avvicinato... si è avvicinato alla macchina o no, lei?
Giancarlo Lotti: No, proprio vicino no. Un pochino distante. Un so di' preciso, 4-5 metri.
Presidente: 4-5 metri. Ha visto chi era alla guida della macchina?
Giancarlo Lotti: Alla guida... c'era un uomo e una donna.
Presidente: Come?
Giancarlo Lotti: Un uomo e una donna c'era.
Presidente: No, un uomo e una donna alla guida no. O c'era l'uno o c'era l'altro...
Giancarlo Lotti: Un uomo alla guida.
Presidente: Come?
Giancarlo Lotti: Un uomo alla guida.
Presidente: L'uomo era alla guida. Lei l'ha visto l'uomo alla guida?
Giancarlo Lotti: Anche se gl'è più lontano e si vede...
Presidente: Cioè, seduto al posto di guida, questo volevo sapere io.
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: Era un ragazzo era?
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Ecco, poi un'altra cosa, ora salto un po'... un altro argomento. Lei ha parlato della lettera del Pacciani. La lettera del Pacciani, va bene? Ecco, voglio sapere una cosa: ma il Pacciani, lei è un amico del Pacciani, l'ha frequentato per tanti anni da Montefiridolfi...?
Giancarlo Lotti: Eh, lo so ma un è che sia stato tanto amico...
Presidente: Va bene, insomma lei dal '78, ha detto lei: 'da quando presi la patente, lo conosco'.
Giancarlo Lotti: C'andavo però...
Presidente: Quante volte è stato in carcere il Pacciani, lo sa lei?
Giancarlo Lotti: Mah, diverse volte; di preciso un lo so quanto.
Presidente: Diverse volte. Ma lei, da quando lo conosce lei?
Giancarlo Lotti: Poi sempre di prima, quando gl'aveva fatto...
Presidente: No, no. Quello che ha fatto prima, in gioventù, non ci interessa. Ci interessa da quando lo conosce lei.
Giancarlo Lotti: Su questo ultimamente, delle figliole.
Presidente: Eh, è andato per le figliole. E poi è stato in carcere un'altra volta?
Giancarlo Lotti: Sì, un paio di volte.
Presidente: Un paio di volte. Sì, infatti un paio di volte. Ecco, lei ha parlato di una lettera che il Pacciani avrebbe scritto al Vanni.
Giancarlo Lotti: Di portalla ni' posto...
Presidente: Ecco, voglio sapere una cosa: quando gliel'ha scritto, quand'era dentro per le figlie o quando era dentro per il mostro di Firenze?
Giancarlo Lotti: Mah, quella lettera che mandò a i' Vanni?
Presidente: Eh. Lei ha parlato di una lettera che il Vanni fece vedere a lei, che era impaurito, dice 'falla vedere a uno che se ne intende', gliel'avrebbe detto lei. Ecco, quando è avvenuta questa lettera? Quando, in che tempo? Cioè, quando il Pacciani era dentro per le figlie o era dentro per il mostro?
Giancarlo Lotti: No, per le figlie.
Presidente: Dentro per figlie. E lo sa quando poi è uscito dal carcere?
Giancarlo Lotti: La seconda volta, ma un lo so di preciso.
Presidente: No, no, quando è uscito per le figlie dal carcere.
Giancarlo Lotti: Mah, di preciso un me lo ricordo quando gl'è.
Presidente: Allora glielo dico io: è uscito il 16 dicembre del '91 per le figlie.
Giancarlo Lotti: Io sulle date, un son tanto preciso.
P.M.: Sì Presidente, teniamo presente che aveva già, era già indagato come mostro, sennò la sua domanda non torna.
Presidente: Eh, ma io quello volevo sapere, quello volevo sapere. Siccome non... anzi questo è un sollecito al Pubblico Ministero, possibilmente di dire, di documentare...
P.M.: Bene.
Presidente: ... siccome la domanda che ha interesse alla Corte sapere, quando il Pacciani è stato interrogato o comunque...
(voci sovrapposte)
Presidente: ... ai fini temporali, quello che ha detto non interessa. Non può interessare. Quando è stato indagato per i fatti del mostro.
P.M.: Certo, Presidente. Senz'altro.
Avvocato: Avviso di informazione di garanzia.
P.M.: E perquisizione.
Presidente: Cioè, lei sapeva che lui era in carcere per la violenza alle figlie. Questo sapeva lei.
Giancarlo Lotti: Sì. Ma l'ha letto anche sui giornali, qualche...
Presidente: No, no. I giornali, i giornali dicono quello che vogliono. Però, volevo sapere se lo sapeva lei.
Giancarlo Lotti: Preciso la data, l'ho detto, quello sulle date un mi ricordo...

mercoledì 30 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Dodicesima parte

Segue dall'undicesima parte.

« DOPO LA SOSPENSIONE »

P.M.: Presidente...
Presidente: Dica.
P.M.: Approfitterei un attimo di questa circostanza che non è ancora rientrato l'imputato Lotti, per far presente questo alla Corte: mentre il signor Lotti rispondeva alle domande dei difensori, si è avvicinato a me il signor Rontini, il quale mi ha fatto presente di riferire alla Corte - e dico la verità, lo aveva già detto in passato - che lui, Rontini, e la moglie hanno sempre riferito, dopo l'omicidio, agli inquirenti, che avevano visto dopo i fatti, dietro la piazzola, mi sembra di capire, per quel che ho capito io, nel posto esatto dove oggi riferiva il Lotti, la presenza di un avvallamento, di una buca. E il Rontini ricorda anche circostanze più specifiche. E quindi, il signor Rontini, mio tramite, voleva informare la Corte - e penso, è qui, lo farà direttamente - che vuole, su questo punto, comunque se necessario, lui e la moglie, conoscono una circostanza che, per l'appunto, corrisponde a quello che dice il Lotti, e, se la Corte crede, chiedono di essere sentiti.
Presidente: Va bene. Questa è un'istanza come ex articolo 507. . .
P.M.: Sì, la faccio io.
Presidente: Bene.
P.M.: L'avevo già fatta su altri punti per entrambi e quindi...
Presidente: Prendiamo atto di questo. Allora, Lotti, venga avanti. Senta Lotti, volevo sapere una cosa sul Faggi.
Giancarlo Lotti: Sì. 
Presidente: Lei lo conosceva Faggi? Lo conosce Faggi?
Giancarlo Lotti: No, io no.
Presidente: Non l'ha mai visto?
Giancarlo Lotti: Io per nulla, no.
Presidente: Non l'ha mai visto. Chi gliene ha parlato e quando gliene hanno parlato a lei del Faggi?
Giancarlo Lotti: Nella macchina quando l'era ferma lì, agli Scopeti. Dopo, il giorno dopo, m'hanno riferito che lo conoscevano, insomma l'era un finocchio parlando...
Presidente: Va bene. Il giorno dopo al delitto degli Scopeti.
Giancarlo Lotti: Dopo qualche giorno s'e parlato di' coso, dicevano gl'era... questa persona qui.
Presidente: E cosa...?
Giancarlo Lotti: ... Faggi, come si chiama.
Presidente: Cosa gli hanno detto?
Giancarlo Lotti: Che gl'era uno, un so, m'hanno detto che gl'era un rappresentante, un coso... di preciso...
Presidente: Sì, va beh, ma degli Scopeti... lei dice: dopo, parcheggiò degli Scopeti. Perché era agli Scopeti anche lui?
Giancarlo Lotti: Mah, io ho visto la macchina; un so mica se gl'era lui.
Presidente: No, no. Io voglio sapere secondo quello che gli ha riferito il Vanni...
Giancarlo Lotti: Doveva venire...
Presidente: ... o il Pacciani o tutti e due, non lo so, cosa gli hanno detto a proposito di questo Giovanni Faggi.
Giancarlo Lotti: Doveva venire una terza persona, come m'avevan riferito. Una terza persona, quella con la macchina ferma, però un so se gl'era lui o no.
Presidente: No, lei deve rispondere. Deve lasciar stare... Lei non dica quel che pensava lei, cosa gli hanno riferito. Gli hanno parlato prima o dopo il delitto degli Scopeti?
Giancarlo Lotti: No, questo me l'hanno detto dopo.
Presidente: Dopo. E cosa gli hanno detto?
Giancarlo Lotti: Che conoscevan questa persona qui, questo Giovanni Faggi come si chiama.
Presidente: Giovanni Faggi.
Giancarlo Lotti: Però io un l'ho mai visto nemmen di persona.
Presidente: Benissimo. E allora cosa è successo? Questo Giovanni Faggi, cosa è accaduto?
Giancarlo Lotti: No, che lo conoscevano.
Presidente: E basta.
Giancarlo Lotti: Sì, lo conoscevano, però dissero che c'era una terza persona che doveva venire in quel posto lì. Poi un lo so se...
Presidente: Allora questa terza persona chi era? Era il terzo? E gli altri due chi erano?
Giancarlo Lotti: No, quelli s'era detto lì e un'altra persona, sempre questo qui. Come m'hanno parlato loro.
Presidente: Cioè quella sera agli Scopeti ci doveva essere una terza persona.
Giancarlo Lotti: Però io un ho mica visto...
Presidente: Aspetti, questa terza persona doveva essere...
Giancarlo Lotti: M'hanno riferito...
Presidente: ... Giovanni Faggi, questo qui.
Giancarlo Lotti: Gl'era questo qui.
Presidente: Questo gliel'hanno detto loro.
Giancarlo Lotti: Me l'hanno riferito loro. 
Presidente: Loro. Loro sarebbe... ?
Giancarlo Lotti: Sì, Mario... 
Presidente: Mario?
Giancarlo Lotti: O Piero, tutti e due.
Presidente: Mario e Piero. Mario Vanni e Pietro Pacciani. Va bene.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Ecco, una domanda: ecco, gli dissero come è arrivato lui, come non è arrivato, se c'era stato quella sera, se non c'era stato? Gli dissero qualche cosa o no?
Giancarlo Lotti: No, mi dissero che doveva venire questa persona. Però...
Presidente: Allora, lei dice: doveva venire. Allora gliene hanno parlato prima del delitto degli Scopeti, non dopo? Se dice: doveva venire...
Giancarlo Lotti: Dopo m'hanno detto che 'viene questa persona qui'.
Presidente: Dopo?
Giancarlo Lotti: Dopo, io avevo visto la macchina, però un so se l'era lui questo qui. Questo me l'hanno riferito dopo.
Presidente: Gliel'hanno riferito dopo. E gl'hanno detto che questa persona era venuta agli Scopeti anche lui? Questo gl'hanno detto?
Giancarlo Lotti: Come m'hanno detto loro.
Presidente: Così gl'hanno detto? E gl'hanno detto anche che macchina usava, aveva usato quel signore?
Giancarlo Lotti: Come?
Presidente: Gli hanno riferito, il Vanni e il Pacciani, anche che macchina aveva questo Faggi?
Giancarlo Lotti: La macchina, un lo so che macchina aveva. Questo un lo so.
Presidente: Allora, la domanda mia è questa: se questa persona doveva venire o è venuta, non lo so; ma insomma. . .
Giancarlo Lotti: Questo un so se gl'è venuto o no.
Presidente: Aspetti, lasciamo stare se è venuto o non venuto.
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: Non sappiamo se è venuto... Ma comunque, secondo il Vanni e Pacciani, era persona che doveva essere presente all'Impruneta. Bene? Lei doveva fare da palo, doveva fare...
Giancarlo Lotti: Stare...
Presidente: No, deve ascoltare.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Lei, Lotti, lei, doveva stare lì, all'imbocco della stradina...
Giancarlo Lotti: E guardare che non passasse...
Presidente: ... e guardare che non passasse le macchine che andassero in su.
Giancarlo Lotti: ... o un si fermassino.
Presidente: Bene. Se arrivava il Faggi con la sua macchina, da solo o in compagnia, come faceva lei a riconoscere che era un amico del Pietro, del Mario o era un testimone, uno che poteva fare arrestare tutti?
Giancarlo Lotti: Io questa macchina l'ho vista...
Presidente: Ma no, no. Lasci stare se poi l'ha vista o non l'ha vista. Come faceva a sapere lei?
Giancarlo Lotti: Io l'ho saputo dopo questo.
Presidente: E allora se l'ha saputo dopo, ma è possibile che gliene hanno parlato dopo a cose fatte? Gli avranno parlato prima, perché se quello, Faggi, arrivava, arrivava mentre si faceva il delitto o prima... Capito?
Giancarlo Lotti: Mah, a me... questa persona m'hanno riferito... lui, un lo sapevo mica... dopo, qualche giorno di questa persona.
Presidente: Allora io non credo che il Vanni e il Pacciani sian talmente stupidi, ma stupidi da far venire una persona sul posto e non avvertire lei, che faceva il piantone lì.
Giancarlo Lotti: Come sono, che ne so io di questo qui. A me m'hanno spiegato così, poi un saprei come spiegallo.
Presidente: Lei ha visto la macchina, poi ha visto la macchina scura...
Giancarlo Lotti: Io ho visto questa macchina...
Presidente: ... non proprio lì, ma più giù.
Giancarlo Lotti: Prima di partire per anda ' via io.
Presidente: Sì, sì. Questo l'ho capito. Non gli voglio far le domande che ha già fatto, risponde, eccetera...
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: Ha parlato un 40-50 metri, mi sembra, più giù, oltre l'imbocco della stradina che va lì.
Giancarlo Lotti: Un po' distante, sicché...
Presidente: Come fa a dire che era quello e non altro, una persona che in sé, incuriosita, ha sentito gli spari...
Giancarlo Lotti: No, io un ho incuriosito, perché un lo sapevo mica...
Presidente: Come fa lei a dire che era il Faggi e non altra persona?
Giancarlo Lotti: Ma quello me l'hanno riferito loro dopo, non mica prima.
Presidente: E cosa gli hanno detto loro?
Giancarlo Lotti: Che l'era questa persona, di un certo Giovanni Faggi e basta.
Presidente: Ma gli hanno detto anche come è arrivato lì, il Faggi?
Giancarlo Lotti: Quello me l'hanno riferito dopo, non prima.
Presidente: Ho capito che gliel'hanno riferito dopo. Allora, come è arrivato gliel'hanno detto, il Faggi?
Giancarlo Lotti: Arrivato lì, io un ho mica visto questo qui. Io ho visto la macchina.
Presidente: Avranno detto: Lotti, Giancarlo un so come lo chiamano lei, guarda che iersera, stasera, due sere fa, tre sere fa, quando è stato, domenica sera, sabato sera, quando era, c'era anche Giovanni Faggi, quello di San Casciano-
Giancarlo Lotti: Io un ho visto...
Presidente: E lui è arrivato con la macchina, è venuto a piedi, era col motorino, era con qualche... non lo so.
Giancarlo Lotti: No, io ho visto loro due e basta. A me me l'hanno spiegato così.
Presidente: Insomma, questa è una persona, secondo il Vanni e secondo il Pacciani, che doveva venire lì, anche lui, a controllare.
Giancarlo Lotti: Come... però un l'ho visto io.
Presidente: Benissimo. La domanda gliela rifaccio ancora: se veniva questo signore, come faceva a riconoscerlo lei?
Giancarlo Lotti: Eh, io come facevo a riconoscilo? Come fo a riconoscilo? Io un lo so di certo. Come fo a dillo?
Presidente: E allora quando arrivava una macchina e si fermava lì, lei cosa doveva fare?
Giancarlo Lotti: No, fermare... venivan le macchine, rallentavano, andavan via.
Presidente: Va bene, ma se una si ferma e uno addirittura cerca di imboccare la stradina che porta lì dove c'è la tenda?
Giancarlo Lotti: Se c'è due persone ferme lì, un ci vanno su.
Presidente: Chi glielo dice a lei che un ci vanno? Intanto voi non eravate lì, ma eravate più su e quindi uno poteva benissimo imboccare la strada.
Giancarlo Lotti: ...verso la strada.
Presidente: Eh?
Giancarlo Lotti: Poi alla fine mi disse di anda' verso la strada e guardare se si ferma macchine o no. 

martedì 29 luglio 2014

- 29 luglio 1984 -

29 luglio 1984 - 29 luglio 2014
Pia Gilda Rontini e Claudio Stefanacci
------------------------------------  

lunedì 28 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Undicesima parte

Segue dalla decima parte

Avvocato Mazzeo: Eh, Presidente. Comunque, collegato a questa domanda ce n'è un'altra. Un volta per tutte, Lotti, lei fino agli Scopeti e a dopo gli Scopeti, sapeva o non sapeva a che cosa servivano le parti staccate a queste povere donne?
Giancarlo Lotti: E come fo a sapello io.
Avvocato Mazzeo: Ha detto che il medico s'è fermato e chiedeva, eccetera.
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Mazzeo: Sembrerebbe di capire che lo sapesse invece.
Giancarlo Lotti: Ma che ne so io che gli serviva. Come fo a sapello io.
Avvocato Mazzeo: Allora lei non sapeva che loro, eventualmente, ne potevano fare commercio, cioè venderle?
Giancarlo Lotti: Questo un lo so.
Avvocato Mazzeo: E quando l'ha saputa questa cosa?
Giancarlo Lotti: Quale cosa?
Avvocato Mazzeo: Questa cosa che ne facevano commercio e che le vendevano.
Giancarlo Lotti: Ma un lo so, l'ho già detto io.
Avvocato Mazzeo: Non l'ha mai saputa.
Giancarlo Lotti: No.
Avvocato Mazzeo: Benissimo.
Presidente: Lotti, non faccia l'indispettito perché di questo ha già risposto già nella precedente udienza. Lei ha detto che questo dottore andava lì, pagava a Pacciani e che i soldi li prendeva il Pacciani.
Giancarlo Lotti: Sì. Dicevano questo discorso qui, però...
Presidente: E ha detto anche che lei non ha preso nessuna lira, nessun soldo.
Giancarlo Lotti: Però io un so mica che ne facevano, questo un lo so.
Presidente: Ho capito, questo vogliamo sapere.
Giancarlo Lotti: Io un lo so che ne facevano.
P.M.: Sta dicendo che non sa cosa ne faceva il medico di queste cose, signori, se seguiamo il discorso.
Presidente: No, la domanda dell'avvocato era un'altra.
P.M.: Sì, sì, ma...
Presidente: Se sapeva a che cosa servissero questi cosi... se ne commerciavano o no.
Giancarlo Lotti: Ma io un lo so.
Presidente: Lui non lo sa. Ha detto che li vendevano.
Avvocato Mazzeo: Perché lui - non è una contestazione, naturalmente, è soltanto un richiamo - a pagina...
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: Va be', è a pagina 11 del II fascicolo dell'incidente probatorio. E' il Giudice che gli chiede, appunto... no, l'avvocato Colao: "Questi tagli, queste parti staccate alla donna, a cosa servivano? Lei sa a cosa servivano?" "Mah, questo non lo so." "Lo chiese mai a questi signori a cosa servivano?" "Tagliavano. A me non mi hanno detto mica loro perché gli servivano." E poi insiste: "Gliel'ho chiesto ma loro non mi hanno mai specificato di preciso perché." E quindi, io contesto questa circostanza che mi sembra in contrasto con quanto ha dichiarato sul dottore stamattina.
(voce fuori microfono)
Presidente: Allora, al dibattimento ha detto questi...
Avvocato Mazzeo: Va be', allora, l'ultima domanda, l'ultima. Quante lettere ha scritto, le è capitato di scrivere in vita sua a lei?
Giancarlo Lotti: Io?
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: Perché devo scrive lettere io? 
Avvocato Mazzeo: Non lo so, è una domanda. 
Giancarlo Lotti: No, io un ho mai...
Avvocato Mazzeo: Risponda alla domanda. Volevo solo sapere: le è capitato mai di scrivere delle lettere in vita sua?
Giancarlo Lotti: Ma lettere come?
Avvocato Mazzeo: Lettere, così: uno piglia un foglio di carta, con f una penna e scrive.
Giancarlo Lotti: Ho scritto un foglio...
Presidente: No quella lettera che ha scritto che abbiamo in atti...
Giancarlo Lotti: No, altre lettere, no.
Presidente: Altre lettere, altre lettere.
Giancarlo Lotti: No, no, no.
Avvocato Mazzeo: Mai. Benissimo. La ringrazio, ho finito.
Presidente: Bene, allora sospendiamo un quarto d'ora, poi...
Avvocato Filastò: Presidente, Presidente, scusi, io vorrei aggiungere una domanda.
Presidente: Sì.
Avvocato Filastò: Senta, Lotti, qui bisognerebbe fosse preciso, perché poi è una cosa molto semplice. Lei...
Giancarlo Lotti: Io so' sempre stato preciso.
Avvocato Filastò: Non dica così, Lotti...
Presidente: No, no, calmi.
Avvocato Filastò: Questa è la battuta più divertente dell'ultima settimana.
Giancarlo Lotti: No, unn'è divertente.
Presidente: Lasciamo stare, lasciamo stare.
Avvocato Filastò: Abbia pazienza.
Presidente: Faccia la domanda.
Avvocato Filastò: Io le chiedo questo: questi fatti che lei ha raccontato di Scopeti... va bene?
Giancarlo Lotti: Eh.
Avvocato Filastò: Son successi di domenica?
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Filastò: E' sicuro?
Giancarlo Lotti: Son sicuro, sì.
Avvocato Filastò: Ci dice perché lei è così sicuro che era domenica?
Giancarlo Lotti: Era domenica.
Avvocato Filastò: Eh, insomma, voglio dire, lei ne ha parlato a diversi anni di distanza, no? Quindi... Lei lavorava quel giorno, non lavorava?
Giancarlo Lotti: Ma che lavoravo di domenica? E di sabato?
Avvocato Filastò: Certo che...
Giancarlo Lotti: No, un lo so io.
Avvocato Filastò: ... lei c'ha tutta un mentalità tutta sua, particolare.
Giancarlo Lotti: No, perché io...
Avvocato Filastò: Io vorrei sapere questo... lasci perdere, faccia conto di non sapere se era domenica o se era J sabato. La domanda è questa qui: lei quel giorno lì aveva lavorato la mattina? Sì o no?
Giancarlo Lotti: Se gl'è di domenica come fo a lavorare?
Avvocato Filastò: Oh benedetto Iddio! Si sta cercando di capire se per caso lei non s'è sbagliato a indicare la domenica.
Giancarlo Lotti: No, un mi so' sbagliato.
Avvocato Filastò: Allora la domanda è questa... lasci perdere se era... dice: ' se era domenica un lavoravo'. No. Voglio sapere: che si ricordi lei, quella mattina, aveva lavorato? Sì o no?
Giancarlo Lotti: Se gl'era altri giorni lavoravo fino alle cinque.
Avvocato Filastò: Ecco, quindi lei quel giorno non aveva lavorato, di sicuro. È così? Sennò un faceva... un poteva...
Giancarlo Lotti: Ma se gl'era il giorno come ho detto ora...
Avvocato Filastò: Il sabato lavorava lei?
Giancarlo Lotti: No.
Avvocato Filastò: Ah, nemmeno il sabato.
Giancarlo Lotti: No.
Avvocato Filastò: Ah. Allora, perché lei si ricorda che era domenica?
Giancarlo Lotti: Eh?
Avvocato Filastò: Per quale ragione lei si ricorda che era domenica?
Giancarlo Lotti: Perché mi ricordo di preciso la domenica.
Avvocato Filastò: E un c'ha altro da dirci.
Giancarlo Lotti: No.
Avvocato Filastò: È sicuro?
Giancarlo Lotti: Sì, son sicuro.
Avvocato Filastò: Col Pucci vi vedevate anche il sabato?
Giancarlo Lotti: Eh?
Avvocato Filastò: Col Pucci vi vedevate anche di sabato?
Giancarlo Lotti: Secondo: il sabato, la domenica...
Avvocato Filastò: Quindi vi vedevate anche di sabato.
Giancarlo Lotti: Qualche volta anche di sabato.
Avvocato Filastò: Era stato al Festival dell'Unità quel giorno, la sera prima? Lei, al Festival dell'Unità che c'era lì vicino, c'era stato quel giorno? Anzi, il giorno prima?
Giancarlo Lotti: Quale Festa dell'Unità?
Avvocato Filastò: O un c'era una Festa dell'Unità lì vicino?
Giancarlo Lotti: Ci sarà stata.
Avvocato Filastò: Ma se lo ricorda che c'era oppure no?
Giancarlo Lotti: Un so... se vien di luglio, un mi ricordo mica di che mese viene.
Avvocato Filastò: Siamo a settembre, Lotti. Luglio un c'entra niente. Sto parlando di Scopeti e...
Giancarlo Lotti: E allora perché mi fa una domanda della Festa, allora? Un lo so io.
Avvocato Filastò: Perché so che c'era una Festa lì vicino e le chiedo se lei c'era andato oppure no. Lei può dire: 'no, un c'ero andato', oppure...
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: ... 'sì, c'ero andato', oppure: 'non me lo ricordo'. Ma un è mica tanto difficile.
Giancarlo Lotti: No, un c'ero andato.
Avvocato Filastò: Lei non c'era andato. Quindi, praticamente, lei si ricorda che era domenica perché era domenica.
Giancarlo Lotti: Sì. 
Avvocato Filastò: Va be'.
Giancarlo Lotti: Anche se gl'era di sabato mi ricordavo che gl'era di sabato.
Avvocato Filastò: E però non era di sabato.
Presidente: Questa è la risposta...
Avvocato Filastò: È sicuro? Non era sabato, sicuro?
Giancarlo Lotti: No, unn'era di sabato.
Avvocato Filastò: Va be'.
Presidente: Questa è la risposta. Allora, sospendiamo un quarto d'ora, poi vorrei fare delle domande io a questo signore. Va bene?
P.M.: Bene, grazie.
Segue...

venerdì 25 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Decima parte

La lettura di questo post è riservata ai Sostenitori di  
Insufficienza di prove.




Come diventare sostenitore:
Per condividere con me gli inevitabili costi e mantenere Insufficienza di prove puoi inviare un contributo tramite Paypal semplicemente clickando sul link riportato qui sotto:


In base all'entità del contributo fornirò l'accesso a tutti i posts per 3 mesi, 6 mesi, un anno.

Indicativamente: con una donazione di 10,00 Euro avrete l'accesso a tutti i posts per i successivi tre mesi.

 La gestione delle donazioni verrà gestita da Daniele, un mostrologo che probabilmente già conoscete se avete acquistato un libro sul "mostro di Firenze" su Ebay o avete partecipato alla presentazione di uno degli ultimi libri usciti sull'argomento.

Grazie per l'attenzione e a presto!
Flanz

I numeri di Insufficienza di prove (al 20 marzo 2014)
-1550 posts;
-1300 articoli nell'emeroteca più completa sulla vicenda;
-568 schede con tutti i protagonisti;
-73 interviste ai principali protagonisti della vicenda;
-85 video sul canale Youtube;
-1 post ogni giorno dal lunedì al venerdì;
-Trascrizioni complete e fedeli delle principali udienze sul caso;
-Aggiornamenti e news;
-Oltre 60.000 visitatori annui;

giovedì 24 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Nona parte

Segue dall'ottava parte

Presidente: Allora, la domanda è questa...
Giancarlo Lotti: Questo...
Presidente: ... la domanda è questa. Lei ha detto, ha detto: 'io ho visto il Vanni tagliare la cosa e poi non l'ho visto più.' Bene. Quando lo ha rivisto, lo ha rivisto che usciva dalla tenda, o no?
Giancarlo Lotti: No, gl'era accosto alla tenda, non...
Presidente: Era accosto alla tenda.
Giancarlo Lotti: Quande gl'è sortito il francesce.
Presidente: Il francese. Lui era accosto alla tenda. O via, andiamo.
Avvocato Mazzeo: Ecco, lei ha detto che questo ragazzo uscì di corsa, no? uscì di corsa e fu inseguito da Pacciani.
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Mazzeo: Ha usato una espressione, nell'incidente probatorio, che la voglio ricordare. Ha detto che Pacciani "sparava correndo".
Giancarlo Lotti: No, io unn'ho detto sparava...
Avvocato Mazzeo: Allora glielo rileggo, via.
Giancarlo Lotti: ... ho detto che gli andava dietro.
Avvocato Mazzeo: No, no, glielo leggo, glielo leggo.
Presidente: No, faccia prima la domanda, poi lo descriviamo.
Avvocato Mazzeo: Sì. No, volevo ricordare, fare un piacere alla sua memoria. Ma, a quanto apre...
Presidente: No, no, bisogna far prima le domande, avvocato. Prima le domande, e poi...
Avvocato Mazzeo: Io volevo sapere fin dove sparava correndo. Dove andava a rifinire il Pacciani?
Giancarlo Lotti: Ma io unn'ho mai detto che sparava alla persona.
Avvocato Mazzeo: Ma guardi, allora, le faccio una contestazione formale.
Giancarlo Lotti: Gl'ha anche...
Avvocato Mazzeo: No, no. Mi scusi, Lotti, prima le leggo questo e poi continua. Volume II dell'incidente probatorio, pagina 38, contestazione. A domanda dell'avvocato Santoni Franchetti: "Gli sparò lì, sulla porta?", dice il collega. Lei risponde: "No, gli dette dietro e poi lo prese per il braccio e cominciò a sparare."
Giancarlo Lotti: No...
Avvocato Mazzeo: Cioè, sembra che abbia cominciato a sparare... Continuo a leggere, così se lo ricorda meglio. 
Giancarlo Lotti: No, no... la un me lo dica, perché...
Avvocato Mazzeo: Se lo ricorda?
Giancarlo Lotti: È così.
Avvocato Mazzeo: E quando lo inseguiva. . .
Giancarlo Lotti: L'avevo già spiegato.
Avvocato Mazzeo: Domanda: "E quando lo inseguiva, sparava il Pacciani?” E lei risponde: "Sì."
Giancarlo Lotti: Ho detto una...
Presidente: Avvocato, vuole spiegare ora, vuole spiegare. Ha già capito, vuole spiegare. Ecco, cosa vuol spiegare? Dica.
Giancarlo Lotti: Eh?
Presidente: Cosa vuol... Dica, dica.
Giancarlo Lotti: Quande gl'è sortito...
Presidente: Dica com'è andata la storia, qui, dica.
Giancarlo Lotti: Sì. Gl'è sortito questo france. . . come si chiama...
Presidente: Quel signore lì, va bene.
Giancarlo Lotti: E gli è andato dietro.
Avvocato Mazzeo: Uhm.
Giancarlo Lotti: Però, lì unn'ha sparato.
Avvocato Mazzeo: Ecco, io questo voglio sapere. Quand'è che ha cominciato a sparargli addosso?
Giancarlo Lotti: Gl'hanno sparato innanzi, lì dentro, prima di sortire.
Avvocato Mazzeo: E basta? Un gl'ha sparato più?
Giancarlo Lotti: No, per me no.
Avvocato Mazzeo: Va be'. E io gli volevo fare questa piccola contestazione - pagina 38 volume II - laddove dice: "E quando lo inseguiva, sparava il Pacciani?"
Presidente: O non gliel'ha letto prima, avvocato. Glielo ha letto prima.
Avvocato Mazzeo: Eh, ma. . .
Presidente: Ora, abbiamo la risposta; facciamo un'altra domanda.
Avvocato Mazzeo: Perché lei mi ha interrotto. Presidente, ha detto: facciamolo prima rispondere. Adesso che ha risposto, gli faccio una contestazione.
Presidente: Esatto, esatto.
Avvocato Mazzeo: La posso fare? Ecco.
Presidente: Ma l'ha fatta già prima la contestazione.
Avvocato Mazzeo: Altra domanda: fin dove correva il Pacciani? Fin dove è arrivato il Pacciani?
Giancarlo Lotti: Sì... in do' correva? C'è il bosco, più in là un va. In do' va... 
Avvocato Mazzeo: Indietro al bosco. 
Giancarlo Lotti: Eh, al principio di' bosco.
Avvocato Mazzeo: Eh, basta. Questo, volevo sentire. E' in grado di descriverlo questo fagottino che avevano in mano Pacciani e Vanni quando uscirono dalla tenda?
Giancarlo Lotti: Eh?
Avvocato Mazzeo: Dice, lei ha detto, no?, che, quando uscirono dalla tenda, Pacciani e Vanni...
Giancarlo Lotti: Quande gl'è cascato il ragazzo in terra...
Avvocato Mazzeo: E poi lui è andato dentro...
Giancarlo Lotti: E s'è spostato... E poi m'ha visto me, lì vicino, come ho spiegato, insomma, la distanza...
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: ... e m'ha detto di andare verso... verso la macchina.
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: Verso la strada per vedere se un... In qui' mentre gl'ho visti uscire tutti e due dalla tenda e andare verso... in do' c'era questo ragazzo.
Avvocato Mazzeo: Uhm.
Giancarlo Lotti: E mettevan della roba dentro... si abbassavano. Però un so se c'era una buca o no, lì.
Avvocato Mazzeo: In che punto era, rispetto alla piazzola?
Giancarlo Lotti: Proprio i do' gl'è cascato il ragazzo, era.
Avvocato Mazzeo: Quindi, verso la boscaglia, diciamo, verso...
Giancarlo Lotti: Il principio della... di' bosco.
Avvocato Mazzeo: Ho capito. E lì, che visibilità generale c'era in quel momento? Cioè...
Giancarlo Lotti: Come, che visibilità?
Avvocato Mazzeo: Sì, si vedeva, come si vedeva? Bene, male...
Giancarlo Lotti: E c'era un po' di luna. Però, giorno...
Avvocato Mazzeo: C'era un po' di luna? C'era un po' di luna.
Giancarlo Lotti: Un po' di luna, ho detto. Non proprio...
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: Io, unn'è che sia proprio giorno.
Avvocato Mazzeo: Come lo potrebbe definire, insomma, ecco. Come si vedeva?
Giancarlo Lotti: E come, come lo chiamo? Io un me ne intendo mica delle cose...
Avvocato Mazzeo: Va be', c'era un po' di luna. D'accordo. Senta una cosa, adesso ci rilassiamo un po' e la smettiamo di parlare di Scopeti, eh? Faccio qualche domandina generale, prima di concludere. Io volevo sapere questo: a proposito del suo rapporto col Pacciani, no? c'è stato quell'episodio che lei ha raccontato, non stiamo qui a ripeterlo, insomma. Quando lei dice: 'io non credevo che arrivasse al punto di andare con un uomo...' no, si ricorda? Quella storia lì a Mercatale, eccetera, no? E poi dice così, usa delle parole che non ho capito bene. Lei dice: 'mi toccò stare alle cose sue.'
Giancarlo Lotti: No, mica s'era arrivati a il punto proprio di cosare, no?
Avvocato Mazzeo: No. Perché dice "mi toccò stare"? Cioè, "mi toccò", nel senso... Che argomento usò il Pacciani per costringerla? La picchiò, la trattenne...
Giancarlo Lotti: Un m'ha costretto proprio a i' punto, però gl'arrivò proprio preciso. Però...
Avvocato Mazzeo: Ma perché. . .
Giancarlo Lotti: ... e fece anda'...
Avvocato Mazzeo: No, io volevo sapere: che significa "mi toccò stare"? Perché le toccò stare? Cioè...
Giancarlo Lotti: E mi sarò espresso male io. Perché...
Avvocato Mazzeo: Eh, appunto, se me lo spiega, magari.
Giancarlo Lotti: Eh, un mi sono spiegato bene io, su questo discorso qui.
Avvocato Mazzeo: No, voglio dire, me lo spieghi ora, insomma, va bene se me lo spiega anche...
Giancarlo Lotti: Come fo a spiegarlo se...
Presidente: Lotti, no...
Giancarlo Lotti: ... se un mi riesce di spiegarlo.
Presidente: No, la cosa che vuol sapere è semplice. Allora, Pacciani voleva una certa cosa da lei, no?
Giancarlo Lotti: No, diceva...
Presidente: E lei dice: "mi toccò stare." Cosa vuol dire "Mi toccò stare"? Perché lei si è ribellato, non ha protestato, è andato via...
Giancarlo Lotti: No, ribellato. Se unn'era arrivato a il punto...
Presidente: Per quale motivo è stato, ha fatto questo?
Giancarlo Lotti: No, ma io un son mica arrivato a i' punto. A quel punto lì, poi, andetti via.
Presidente: Ho capito. Però, intanto, è stato fermo...
Giancarlo Lotti: Ho fatto io... No, ma dicevo, l'avrò detto io così, spontaneo. Che mi sia scappato così, questo discorso. Però...
Avvocato Mazzeo: No, voglio dire, no? Sarà durato questa specie di rapporto, chiamiamolo come vuole, insomma, ecco. Qualche minuto sarà durato, qualche secondo. Lei, perché le toccò stare? Lui la costringeva qui con la forza? Voglio dire. Lo teneva fermo con la forza...
Giancarlo Lotti: A dir la verità gl'era più forte di me a quell'epoca, sicché... A quel punto, piano piano, ce la feci a anda' via. Però unn'arrivò a i' punto preciso...
Avvocato Mazzeo: Ma lei si divincolava, insoiruna? Lei si difendeva, o no?
Giancarlo Lotti: Che... mi cominciava a metter le mani addosso, i' che facevo a quel punto lì? Eh.
Avvocato Mazzeo: Quindi, allora è stato più che altro uno scontro fisico. Nel senso che ve le siete date.
Giancarlo Lotti: Mah...
Avvocato Mazzeo: No, perché... va be'...
Giancarlo Lotti: No, io l'ho spiegato così. Se un mi so spiega' meglio, un...
Avvocato Mazzeo: Senta, poi lei ha sempre detto, sempre a proposito di questi lavoretti, no? parlava di lavoretti, che lei doveva seguirli - pagina 43-44, volume I del...
Giancarlo Lotti: Mi obbligava di esser ni' posto, e... quello...
Avvocato Mazzeo: No, lei si è espresso letteralmente in questo modo. Ha detto, dice: "Io dovevo seguirli. Loro mi dicevano: 'sennò ti si sputtana per tutta San Casciano'."
Giancarlo Lotti: Sì, l'hanno fatto questo discorso.
Avvocato Mazzeo: Sì. Senta un po', ma questa è una curiosità mia, proprio personale, verso di lei: e secondo lei, no? è peggio essere sputtanato per tutta San Casciano per queste cose che poi non c'erano, o partecipare a quattro duplici omicidi? Cioè, voglio dire, non era più grave andarlo a seguire... Questa, la sua opinione personale, voglio. La sua coscienza, voglio dire. Lei, in base a una minaccia così leggera, così stupida, mi scusi, anche. "Ti si sputtana" di che? per tutto san Casciano? Con quel Fabrizio in macchina un ci faceva nulla, col Pacciani ha avuto più che altro uno scontro fisico lì a Mercatale. E, in base a queste stupidaggini, mi scusi, lei aveva tanta paura di essere sputtanato che è diventato complice di quattro duplici omicidi? Mi dia una sua risposta, sua personale, di coscienza.
Giancarlo Lotti: Mah, se mi costringeva a anda' insieme, i' che facevo io?
Avvocato Mazzeo: Ma come andare insieme? Lei era libero anche di non andare.
Presidente: Questa è la risposta, andiamo.
P.M.: È un imputato.
Presidente: La domanda è già...
Avvocato Mazzeo: Io volevo una risposta per ...
Giancarlo Lotti: No, io volevo essere...
Avvocato Mazzeo: ... valutare la personalità dell'imputato. Sapere la sua motivazione.
Presidente: Sì, Sì.
Giancarlo Lotti: No, io…
Presidente: Ma ha già risposto a questa domanda, avvocato. Perché l'avvocato Filastò gliel'ha fatta una domanda simile. Gli ricordò che si sputtanava... lui, si sputtanava anche se stesso,..., il Pacciani. È vero, avvocato Filastò?
Avvocato Mazzeo: La mia era diversa, perché...
Presidente: Quindi...
Avvocato Mazzeo: ... Filastò usava la differenza fra, diciamo, lo svergognamento - non usiamo parole brutte...
Presidente: E be', è la sua versione, avvocato.
Avvocato Mazzeo: ... e del Pacciani che era... Ecco, a me interessava proprio la sua personale posizione di fronte a questa che lui avvertiva come una minaccia, evidentemente.
Presidente: Bene.
Avvocato Bertini: Presidente, oggi ha detto anche...
Giancarlo Lotti: Eh, una minaccia, sì. E allora...
Avvocato Bertini: ... di morte, ha detto oggi, quindi anche questo lo ha spiegato...
Presidente: Cosa?
Avvocato Bertini: Ha spiegato oggi, il Lotti, che fu minacciato anche di morte dal Pacciani. Quindi penso che...
Presidente: Sì, sì, va bene, lo sappiamo quello.
Avvocato Bertini: ... sia stato un buon motivo anche questo.
Presidente: Bene. 

mercoledì 23 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Ottava parte

Segue dalla settima parte

Presidente: No, ma lo ha fatto anche l'altra volta, no?
Giancarlo Lotti: Un c'è un piano lì, c'è la salita lì, c'è...
Presidente: Scusate, scusate... Lotti, Lotti, il gesto del movimento che avrebbe fatto il Vanni, lo aveva fatto anche l'altra volta. È stata verbalizzata questa cosa qui. Ora, se l'abbia visto o sentito, è un altro discorso.
Avvocato Filastò: Presidente, qui si tratta di individuare una posizione sua, rispetto alla posizione della tenda. E rispetto alla posizione del taglio. Qui ci sono degli elementi di carattere oggettivo. C'è lui che ci indicherà dov'era. C'è la tenda in un certo posto e c'è il taglio in un certo altro. E poi vediamo. Poi, le valutazioni, le facciamo dopo.
Presidente: Si capisce, dopo...
Avvocato Filastò: Ma a noi ci basta che lui stamattina ci dica dov'era. O via!
Avvocato Mazzeo: Le foto sono: la numero 7 e la numero 8 del fascicolo fotografico.
Giancarlo Lotti: Ma io...
Avvocato Mazzeo: Dovrebbe indicarle, però, non sul video, Presidente. Perché si lamentava il signore, ma dovrebbe indicarle sulla... lì, sulla lavagna...
Presidente: Qual è la fotografia?
Avvocato Mazzeo: Sulla lavagna... come si chiama, lavagna luminosa. La numero 7 e la numero 8, Presidente.
Presidente: Sì. Dov'era lui?
Avvocato Mazzeo: Sì. Quando ha visto il Vanni che tagliava.
Presidente: Io non lo so se qui c'è lo spazio dov'era lui, eh. Non lo so.
Avvocato Mazzeo: Come no?
Presidente: Eh, non so...
Avvocato Filastò: Ce lo dice. Se non c'è...
Presidente: La fotografia, se non sbaglio ... Lotti, ora gli fanno vedere delle fotografie.
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: Vuole... L'avvocato vuol sapere esattamente...
Giancarlo Lotti: La distanza dalla tenda…
Presidente: No, no, lasci stare la distanza. Può essere 10 metri, un metro, due metri, non lo so. Vuol sapere se lei si può... indicandomela, che posizione era allora. Se c'è nella fotografia. Se lo può vedere. Sennò, mi dice che non c'era. Tutto qui. Lei, il punto dov'era lei che guardava, rispetto alla tenda. Capito? Se dalla fotografia si può ricavare, lo dice; sennò dice: non si può ricavare. Lei guardi bene la fotografia e poi lo dice.
Giancarlo Lotti: Sì, sì.
Presidente: La domanda che faccio ora: io mi riferisco a quello che ha detto l'avvocato Mazzeo. Qua, lei, dalla posizione in cui era lei, vedeva il dietro della tenda, o no?
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: La tenda è questa.
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Lei vedeva questa parte qui, o no?
Giancarlo Lotti: Sì, vedevo una parte.
Presidente: Eh? 
(voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: Ah, ecco.
Giancarlo Lotti: Una parte...
Presidente: Mentre lui accomoda la... Come?
Giancarlo Lotti: Io vedevo la parte che guarda verso di me, insomma, verso la parte...
Presidente: No, lei vedeva la fiancata? Cosa vuol dire? Qual è la parte che guardava verso di lei?
Avvocato Filastò: Scusi, Presidente, la domanda che abbiamo, che ha fatto l'avocato Mazzeo, è diversa. Si vuol sapere dove si trovava questo signore.
P.M.: E noi si voleva sapere da che parte era lui.
Avvocato Filastò: Stiamo facendo...
Presidente: È la stessa cosa, avvocato... 
(voci sovrapposte)
Avvocato Mazzeo: Presidente, se prima non si proietta la foto, forse è inutile anche parlare. Mi scusi, eh...
Presidente: No, no, E invece era importante chiarire...
Avvocato Mazzeo: È bene prima...
Presidente: Che lui non voglia collaborare, è un altro discorso. Che non lo voglia dire, è un altro fatto. Però poteva servire.
P.M.: Il fianco da che parte...
Avvocato Mazzeo: È molto semplice. Lì c'è la foto, guardi. L'ha fatta fare la Procura di Firenze.
P.M.: (voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: Oh...
P.M.: Chiunque l'abbia fatta fare è lì.
Avvocato Mazzeo: Eccola qui.
Presidente: Come mai non viene qui? 
(voce fuori microfono)
Presidente: Come mai non viene qui? Questa è una fotografia presa dall'alto della strada da dove veniva lei.
Giancarlo Lotti: Però laggiù la vedo peggio che... Qui bisogna girarsi...
Presidente: Ecco, lei dov'era?
Giancarlo Lotti: Da questa parte qua.
Presidente: Lei dov'era?
Giancarlo Lotti: Da questa parte di qua.
P.M.: Sta indicando la destra, Presidente.
Presidente: Noi, non la... Ma vada sulla fotografia, lì. Vada lì. Si alzi e vada vicino a quel signore, quell'agente lìce lo indichi col dito, più o meno, dov'era. Di là, di là. C'è il microfono, c'è tutto.
Giancarlo Lotti: (voce fuori microfono)
Presidente: Il microfono.
Giancarlo Lotti: (voce fuori microfono) (ritorna al microfono) ... le case che gl'hanno ripreso in cima.
Avvocato Mazzeo: Sì. No, da che parte...
Giancarlo Lotti: Io stavo da questa parte qua.
Avvocato Mazzeo: Ecco, faccia un segnettino, via.
Giancarlo Lotti: Qui.
Avvocato Mazzeo: Bravo.
Giancarlo Lotti: Sempre dalla parte dei cespugli, eh.
Avvocato Mazzeo: Sì, stava salendo.
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Mazzeo: Stava salendo.
Giancarlo Lotti: Dalla parte dei cespugli di qua.
Avvocato Mazzeo: Sì, sì, certo.
Presidente: Lì ci sono delle radici, Lotti, ci sono delle radici che vengono verso l'esterno, verso la parte anteriore della fotografia.
Giancarlo Lotti: Sì, ma qui comincia la salita, no?
Presidente: Eh.
Giancarlo Lotti: Un pochin di salitina. E poi va a il piano.
Presidente: Esatto.
Giancarlo Lotti: Però, proprio piano lì, c'è il bosco, unn'è che lì, proprio... Questo gl'è come... si sale un pochino. E poi si va in piano qua. Io son qua, da questa parte qua, s'era noi. E lui gl'era verso qua. Poi, quande ho visto tagliare la cosa... Io l'ho visto quande gl'era da questa parte.
Avvocato Mazzeo: Mi fa vedere, segni dove l'ha visto tagliare?
Giancarlo Lotti: Da questa parte qui.
Avvocato Mazzeo: Ma faccia un segnetto, così almeno non ci si torna più sopra.
Giancarlo Lotti: Qui.
Avvocato Mazzeo: Dove c'è la lettera...
Giancarlo Lotti: E questa l'è quande siamo stati dalla parte...
Avvocato Mazzeo: Benissimo. Lei lo ha visto tagliare qui, dove ha fatto il segno.
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Mazzeo: Va benissimo.
Giancarlo Lotti: Poi, quande gl'è cosato, gl'è andato verso il bosco, là.
Avvocato Mazzeo: D'accordo. Si può riaccomodare, così le fo qualche...
Presidente: Lo ha segnato lì, lo ha segnato lì.
Avvocato Mazzeo: Il segno dell'imputato...
Presidente: Allora, vada lì, vada lì e si dice a verbale.
Avvocato Mazzeo: Ecco, Presidente, vorrei che si desse atto che l'imputato ha indicato il Vanni esattamente in corrispondenza della lettera C di cui alla foto numero 7 del rilievo fotografico della Procura, della Questura di Firenze.
Avvocato Filastò: Apponendo un segno...
Avvocato Mazzeo: Apponendovi un segno, proprio a mano. E, altro segno con la sua mano, ha apposto nell'estremità inferiore destra della foto per indicare la sua posizione. Ciò che... basta. I commenti poi li faremo dopo.
Presidente: Bene. Io confermo questo. Va bene.
Avvocato Mazzeo: Perché il taglio, lì, non c'è.
P.M.: Presidente, scusi, diamo atto che ha detto in quel punto lì, nel senso da quella parte lì. Erano... Sennò...
Presidente: In quel punto lì, ha detto, dove incominciava la...
P.M.: Gli ha fatto fare un segno sul punto. E poi dice... Insomma...
Presidente: Va be'...
P.M.: ... lasciamo perdere, tanto che senso ha...
Presidente: Prego, prego, altre domande.
Avvocato Filastò: Lascerà perdere lei, Pubblico Ministero, noi non si lascerà perdere di sicuro. Questo, glielo posso garantire. Perché il taglio è dalla parte opposta, dove lui non lo poteva vedere.
Presidente: Va bene, va bene...
Avvocato Filastò: Eh.
Presidente: Prego, prego.
Avvocato Mazzeo: Posso proseguire, Presidente?
Presidente: Prego, prego.
Avvocato Mazzeo: Sì, grazie.
Avvocato Filastò: Non guarda nemmen bene le fotografie, il signor Lotti.
Avvocato Mazzeo: Grazie. Ecco, siamo sempre in quel momento, eh, Lotti. Sempre in quel momento in cui lei... Mi raccomando, la foto numero 7, eh. Non la sciupate. In quel momento in cui lei sta salendo, sta venendo il Vanni che fa il taglio dove lo ha indicato con la penna...
Giancarlo Lotti: Taglia la tenda.
Avvocato Mazzeo: È vero?
Giancarlo Lotti: Taglia la tenda, sì.
Avvocato Mazzeo: Sì. Quando il ragazzo francesce uscì dalla tenda, nella tenda c'era sempre il Vanni?
Giancarlo Lotti: Nella tenda? Questo, un... o gl'era sortito da una parte...
Avvocato Mazzeo: Lei ha detto che il ragazzo francese sortì di botto, no?
Presidente: Se si alza in piedi, sennò... Come ha detto? Era sortito... ?
Giancarlo Lotti: No, gl'era vicino alla tenda.
P.M.: O era sortito da una parte.
Presidente: Da una parte, sì.
Giancarlo Lotti: Da una parte. 
Avvocato Mazzeo: E da dove era sortito? 
Giancarlo Lotti: Quande gl 'ha...
Avvocato Mazzeo: Se può dirmi, per cortesia, da dove è entrato nella tenda, il Vanni; e da dove è uscito.
Giancarlo Lotti: Da parte...
Avvocato Mazzeo: Per quello che ha visto.
Giancarlo Lotti: Io ho sentito taglia' la tenda.
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: Poi un l'ho visto più.
Avvocato Mazzeo: Eh.
Giancarlo Lotti: Sarà andato dentro di certo.
Avvocato Mazzeo: Dal taglio?
Giancarlo Lotti: No, da il taglio, no. Perché ho visto tagliare e poi mi sono spostato un po'... la vista, io, che un l'ho visto più, dopo.
Avvocato Mazzeo: Va bene. Ha visto tagliare, poi non l'ha visto più. Ecco, e quando lo ha visto risortire, uscire?
Giancarlo Lotti: Dopo, quande gl'è sortito quello... l'omo che gl'è sortito dalla tenda.
Avvocato Mazzeo: Allora, dopo che è uscito il ragazzo francese dalla tenda, è uscito anche il Vanni?
Giancarlo Lotti: Sì.
Avvocato Mazzeo: Allora Vanni è un miracolato.
Giancarlo Lotti: Perché?
Avvocato Mazzeo: No, perché Pacciani, nel frattempo, aveva sparato contro la tenda...
Presidente: No, i commenti lasciamoli stare, lasciamoli stare i commenti, andiamo avanti. Sennò dopo...
Giancarlo Lotti: Ma sarà stato da una parte un lo so io. 

martedì 22 luglio 2014

Giancarlo Lotti - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 dicembre 1997 - Settima parte

Segue dalla sesta parte.

Avvocato Mazzeo: Ma allora le faccio un'altra domanda. Ecco, siete rimasti d'accordo, per esempio, che, finché non arrivava lei, visto che lei c'aveva da andar con Fernando, loro stavano fermi e non facevano niente? Oppure avrebbero agito comunque, anche se lei non arrivava?
Giancarlo Lotti: Mah, se avevan fissato, bisognava che fossi lì alle 11 precise.
Avvocato Mazzeo: No, se può essere chiaro sulla risposta. Cioè a dire, vi siete messi d'accordo che tutti quanti 5 avrebbero cominciato ad agire, quindi ad andare sulla piazzola e commettere questo omicidio, ? quando lei fosse arrivato? Oppure non ci fu un accordo di questo tipo? Quindi, o che lei arrivasse o che lei non arrivasse, ognuno andava per i fatti suoi?
Giancarlo Lotti: No no, unn'è questo che la dice lei.
Avvocato Mazzeo: E me la spieghi.
Giancarlo Lotti: L'è quello diverso.
Avvocato Mazzeo: Gliela sto chiedendo, gliela sto chiedendo.
Giancarlo Lotti: Quello doveva esser quell'ora precisa lì. L'ho spiegato venti volte, ventimila volte.
Avvocato Mazzeo: E quindi lei mi vuol dire - vediamo se ho interpretato bene, sennò, Presidente, mi dirà che non ho interpretato bene - che...
Presidente: Io non lo so mica...
Avvocato Mazzeo: No, sto cercando di capire, Presidente.
Presidente: ... che ha interpretato lei.
Avvocato Mazzeo: Sto cercando di capire che, da come dice lui, loro non si sarebbero mossi finché non arrivava lui. E' così?
Presidente: Eh, facciamola meglio, facciamo meglio la domanda.
Avvocato Mazzeo: Sì.
Presidente: Scusi, Lotti. Lotti?
Giancarlo Lotti: Sì.
Presidente: Quando...
Giancarlo Lotti: Siamo arrivati noi... 
Presidente: Con Pacciani e con Vanni, qual era l'accordo? Quando lei arrivava sul posto, si doveva far vedere da loro o no?
Giancarlo Lotti: No, far vedere... gli avevan bell'e...
Presidente: Cioè, come facevan allora a sapere che lei era lì a bloccare l'ingresso della piazzola?
Giancarlo Lotti: Gli avevan bell'e detto tutto prima.
Presidente: Come?
Giancarlo Lotti: L'avevan detto di già, innanzi, il giorno avanti: d'esser lì a quell'ora lì.
Presidente: Ho capito, che le avevan tutto il giorno innanzi. Però, la sera, come faceva, Pacciani e Vanni, a sapere che lei era già arrivato?
P.M.: Dalla macchina, Presidente.
Avvocato Mazzeo: No, Presidente.
Presidente: Ma io lo voglio sapere da lui. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Eh, no. Lo so anch'io, come si può fare, eh.
Giancarlo Lotti: Loro mi dissero d'arrivare a quell'ora lì. E io l'ero a quell'ora lì. Come ho spiegato.
Presidente: Va be', la risposta è questa, avvocato.
Avvocato Mazzeo: Allora gliene faccio un'altra. 
(voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: E' andata buca. Si parla di buche. No, la domanda è un'altra allora, Presidente. Ecco, ma lui, no?, si diede... lei anzi, mi scusi, si diede appuntamento con Pacciani e con Vanni per le 11 di quella sera lì, va bene? Per quale ragione? Cioè, lei cosa ci doveva andare a fare lì, alle 11 della sera?
Presidente: No, questo l'ha già detto, avvocato. No, ora sennò si. . .
Giancarlo Lotti: Ora un dico più niente, e bell'e fatto.
Avvocato Mazzeo: Si dia atto che non vuole rispondere a questa domanda. No, voglio dire, la domanda è questa, le spiego. Perché se lei aveva il compito di fare il palo, beh, non si capisce perché c'è un appuntamento di questo tipo, che, in pratica... Se invece lei doveva semplicemente stare lì come spettatore...
Giancarlo Lotti: No, io unn'ho detto come spettatore.
Avvocato Mazzeo: Allora, vale quell'altro che ho detto? Va bene, d'accordo. Se lei quella sera non ci fosse andato, agli Scopeti, se lei non fosse mai passato, l'accordo qual era? Che Pacciani e Vanni non avrebbero fatto niente?
Giancarlo Lotti: O unn'era bell'e fatto, bell'e detto tutto? Un lo so io, i' che dire.
Avvocato Mazzeo: Non si sa.
Giancarlo Lotti: Non lo so.
Presidente: No. L'avvocato vuol sapere questo: se lei per una qualsiasi ragione quella sera non poteva essere alle 11 lì - gli si fermava la macchina per strada, o aveva un incidente, che so io, o si sentiva male, ecco - dice, il Pacciani e il Vanni che l'avrebbero fatto lo stesso o no, i delitti?
Giancarlo Lotti: Bisognava che ci si fosse noi, lì.
Presidente: Bisognava che ci foste voi.
Giancarlo Lotti: Eh, come ho spiegato. Non lo so se mi spiego bene o. .. non lo so.
Avvocato Mazzeo: Va bene, bisognava che ci foste voi.
Presidente: Ma "noi", cosa intende? Lei e il Pucci? 0 sola... "Noi”: lei e il Pucci?
Giancarlo Lotti: L'ero col Pucci, quella sera.
Avvocato Mazzeo: Sì.
Presidente: Allora, loro sapevano che venivano anche il Pucci insieme a lei?
Giancarlo Lotti: No. Ma il Pucci non lo sapeva che c'era anche lui. E s'arrabbiò un po'. Però, distante dalla tenda, per non farsi sentire da quelli della tenda. E allora vedde questi due, cominciò a dare... a - arrabbiarsi un po'. Allora gli dissi: 'gli è con me, non ti preoccupare, non c'è nulla... non parla'.
Avvocato Mazzeo: Senta...
Giancarlo Lotti: Io credo d'essimi spiegato bene, poi un lo so.
Avvocato Mazzeo: Posso?
Presidente: Sì, sì.
Avvocato Mazzeo: Grazie. Senta, lei ha detto - pagina 78 dell'incidente probatorio - dice, in questo momento che stiamo raccontando, lei dice: "Poi ci si ferma" - lei e Fernando - "E vidi loro che erano lassù, vicino alla macchina."
Giancarlo Lotti: Sì, nella piazzola.
Avvocato Mazzeo: Eh. "Vicino, insomma alla..." Ecco, cosa vide di preciso? Lo può dire?
Giancarlo Lotti: Sì, quande vensan contro di noi, che...
Avvocato Mazzeo: Cioè, quando voi siete scesi dalla macchina, no? Lei dice. Siamo al momento che voi siete arrivati agli Scopeti, va bene? E quindi vi siete fermati con la macchina. "Scesi e vidi loro che erano lassù." Ecco, cosa vide in particolare? Può spiegare...
Giancarlo Lotti: Pietro e Mario.
Avvocato Mazzeo: E Mario: che stavan facendo?
Giancarlo Lotti: Poi veddan noi e vensan verso, contro... verso di noi.
Avvocato Mazzeo: Sì.
Giancarlo Lotti: Se un mi spiego bene, o no.
Avvocato Mazzeo: Sì, fin qui, sì.
Presidente: No, si spiega benissimo. Per ora si spiega benissimo.
Avvocato Mazzeo: Vada avanti, vada avanti.
Giancarlo Lotti: E allora ho visto Pietro cominciò a dare un po'... a arrabbiarsi, perché dice: 'tu hai portato un'altra persona.'
Avvocato Mazzeo: Ecco, ma che faceva, urlava?
Giancarlo Lotti: No, mica urlare proprio... oh, c'era la tenda lì, potevan sentire anche loro.
Avvocato Mazzeo: Appunto. Eh, certo.
Presidente: Eh, meno male!
Giancarlo Lotti: No, eh, quello unn'era successo ancora, sicché...
Avvocato Mazzeo: No, siccome sono... Ecco, lei era all'inizio del viottolo, loro erano in cima.
Giancarlo Lotti: Poi ci si allontanò un pochino e poi sentii tagliare la tenda. E poi sento degli spari, dopo.
Avvocato Mazzeo: Aspetti, aspetti, a quello ci arriviamo dopo. Dico, ma urlavano... Perché lei ha detto che erano in cima, mentre invece lei era all'inizio del viottolo, no?
Presidente: No, questa parola non l'ha usata, per l'esattezza.
Avvocato Mazzeo: Urlava, no. Infatti. No, no...
Presidente: Tant'è vero che ci dice, c'era la tenda...
Giancarlo Lotti: Io ho detto una distanza di 12 metri, se un mi spiego male, un lo so...
Avvocato Mazzeo: Eh, 12 metri. Benissimo. Lei dice che la distanza è di 12 metri.
Giancarlo Lotti: Alla tenda un tu puoi mica essere lì vicino.
Avvocato Mazzeo: Sissignore, sì. Ecco, allora a quel punto lì lei... Lei qui continua a dire, no? dice: "Io vo su e lui rimane un po' più in giù." Sarebbe Fernando, "lui"?
Giancarlo Lotti: Fernando gli stette un po' più distante.
Avvocato Mazzeo: Che rimane un po' più... Mentre invece lei va su. Ecco, allora, andando in su cosa vide? Mi descriva, in particolare, il Vanni cosa vide.
Giancarlo Lotti: Unn'ero mica preciso lì....
Avvocato Mazzeo: Del Vanni, del Vanni.
Giancarlo Lotti: Mi fermo un momento per vedere i' che succede di. . .
Avvocato Mazzeo: Ecco, ma il Vanni che faceva?
Giancarlo Lotti: Sento il Vanni che taglia, come uno strappo sento, traa... Un so quanto gl'è stato tagliato, il pezzo. Sento cosi: traa... su.
Avvocato Mazzeo: Ma sente il Vanni che taglia? 0 vede il Vanni che taglia?
Giancarlo Lotti: L'ho detto ora: vedo tagliare.
Avvocato Mazzeo: "Vedo tagliare."
Presidente: Fa, imita il gesto, fa il gesto, così. Dal basso in alto.
Avvocato Mazzeo: Quindi, vede il Vanni che taglia. Allora, Presidente, chiederei che si proietti...
Avvocato Filastò: Senta, Lotti, lei ha detto che ha visto tagliare il Vanni.
Giancarlo Lotti: L'ho visto tagliare. E quanto lo devo ripetere...
Avvocato Filastò: E allora, ora però questa volta non si fa come l'altra volta con le immagini televisive, che poi, alla fine, non ha messo il dito in un certo... Ora si guarda le foto e si vede come stanno le cose, eh?
P.M.: Che cos'è, una intimidazione? Non ho capito.
Avvocato Filastò: No, no...
P.M.: Un si fa come l'altre volte...
Avvocato Filastò: No, no, questa...
Presidente: Lui...
P.M.: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: No, allora glielo dico io cos'è successo, dottor Canessa.
P.M.: No, un lo so...
Avvocato Filastò: L'altro giorno io ho tentato fino allo spasimo di far fare un segno su una foto a questo signore. E non c'è stato verso.
Giancarlo Lotti: Ma come un c'è stato verso...
Avvocato Filastò: Lei non ha voluto né indicare un punto, né...
Giancarlo Lotti: Ma come...
Avvocato Filastò: ... fare un segno. Ora, questa volta, invece, per piacere, faccia attenzione...
Giancarlo Lotti: Ma lì c'è...
Avvocato Filastò: ... alle fotografie. E, alla domanda che gli fa il collega, lei risponde.
P.M.: Ma cos'è una intimidazione? 
 
Blogger Templates