Social Icons

.

venerdì 24 settembre 2010

Bruna Bonini - Deposizione del 27 aprile 1994 - Seconda parte

Segue dalla prima parte.

Presidente: Avvocato Santoni di parte civile.
A.S.: Signora, lei quindi si ricorda che a sua figlia mancava un orologio?
Signora Bruna Bonini: Si.
A.S.: Si ricorda più dettagliatamente che orologio era?
B.B.: Un orologio in acciaio, tipo il mio, si.
A.S.: Li ha detto che era particolare, perchè era particolare o ho capito male io?
B.B.: No, ho detto così, particolare, insomma, un orologio che portava sempre, cos', m'è venuto così spontaneo, da dire così, non per altre cose.
A.S.: Le mancava poi una catenina d'argento.
B.B.: Una catenina d'argento, si.
A.S.: I portafogli che le mancava, aveva un portafogli solo o più portafogli?
B.B.: Ma io mi ricordo ci aveva un piccolo portafoglio che noi non l'abbiamo ritrovato quando ci hanno reso la roba, questo, sempre.
A.S.: Quando le hanno restituito i vestiti di sua figlia, questi vestiti come glieli hanno dati signora?
B.B.: Questi vestiti erano semplicemente puliti, non avevano niente, maccchie addosso.
A.S.: Erano piegati in maniera particolare?
B.B.: Tant'è vero gli indumenti della mia bambina sono stati ritrovati sotto una pianta anche ripiegati, 
A.S.: Così le dissero.
B.B.: Così mi dissero.
A.S.: La ringrazio. Un'altra domanda, mancava anche un indumento di sua figlia che fu ritrovato successivamente o no?
B.B.: Mancava un reggipetto rosso, che io, dopo svariati giorni, ho detto: - la Stefania indossava un reggipetto rosso - cosa che non avevano trovato, l'hanno ritrovato dopo diversi giorni, ma questo sarà stato tutto scritto no?
A.S.: Certo ma era importante ora risentirlo. Io non ho altre domande, la ringrazio signora.
B.B.: Di niente.
Avvocato Colao: Per la verità volevo dire anch'io... Signora buongiorno, scusi, sua figlia lavorava quando è successo l'omicidio?
B.B.: Si, lavorava.
A.C.: Aveva un lavoro suo, quindi aveva una fonte di reddito, guadagnava... 
B.B.: Guadagnava lo stipendio che poteva prendere una piccola impiegata.
A.C.: Certo e quindi avrebbe potuto tenere anche qualche somma di denaro più consistente a sua insaputa?
B.B.: No, la Stefania no, si portava dietro quei piccoli soldi che gli ci volevano per andare a ballare poi i soldi se ci aveva un piccolo risparmio li metteva in banca ma poche cose perchè era pochi mesi che lavorava alle dipendenze.
A.C.: Per "piccoli soldi", può quantificare cosa intende per "piccola somma"?
B.B.: Ma pochi milioni, lei, era pochi mesi...
A.C.: No, dico quello che portava dietro come "piccola somma"
B.B.: Ma, ma poco, io non ricordo proprio quanto la ci puole aver avuto ma pochi soldi, lei non era di solito portarsi dietro tanti soldi.
A.C.: Ma poterli quantificare, trenta, quarantamila...
B.B.: Ma non so, venti, trentamila lire, quaranta, non lo so io, alla distanza di vent'anni che vole, come faccio a ricordare.
A.C.: Signora grazie, buongiorno, ho finito.
Avvocato Bevacqua: Cara signora, mi scusi, senta, lei ha detto che le hanno restituito la borsa dopo qualche anno, le hanno restituito anche un pullover? Si ricorda?
B.B.: Un pullover?
A.B.: Bianco, di sua figlia.
B.B.: Si, mi pare, anche un pullover bianco, si, si
A.B.: E quindi le hanno detto che questo pullover si trovava nella borsa di sua figlia?
B.B.: No, a me mi hanno detto solo che gli indumenti della Stefania erano tutti ripiegati sotto una pianta
A.B.: Dove è successo questo maledetto...
B.B.: Dove è successo il fatto.
A.B.: Senta signora le volevo domandare una cosa, lei ha detto prima che la sua bambina aveva una collanina o due collanine, qualcosa...
B.B.: Aveva una collanina di argento.
A.B.: Aveva anche un crocifisso in questa collanina? Se lo ricorda?
B.B.: Io non credo, non me lo ricordo.
A.B.: Cioè, sua figlia portava il crocifisso oppure no?
B.B.: Mah, io non lo credo, generalmente portava degli aggeggi, non so, così, dei suoi, particolari, non lo so io, non son sicura cosa ci aveva la bambina.
A.B.: Ecco, la collanina era rotta o gliel'hanno restituita regolarmente agganciata, era rotta...
B.B.: No, la catenina a me non mi hanno reso niente
A.B.: Ah, non l'ha trovata...
B.B.: Nooo la catenina a me non me l'hanno resa, nè la catenina, nè l'orologio, nè il portafoglio.
A.B.: Non gliel'hanno resa perchè non l'hanno trovata evidentemente.
B.B.: Non l'avranno trovata, io comunque non lo so.
A.B.: Domandavo soltanto questo.
B.B.: Non lo so, vero.
A.B.: Grazie, le chiedo scusa.
B.B.: Di niente.
Presidente: Senta signora, portava anche anelli sua figlia?
B.B.: Si qualcuno, si qualche anello, si qualche anello aveva.
Presidente: Le è stato restituito nulla?
B.B.: Mah, no, anelli non è stato restituito nulla, no.
Presidente: Non è stato restituito. Lei è sicura che normalmente portava qualche anellino?
B.B.: Si, si, si, si, ero sicura che qualche anello lo portava la Stefania.
Presidente: Ricorda, sia pure approssimativamente, di che anelli si trattava?
B.B.: Mah, anelli non di valore, piccole fascette così, in argento, insomma, roba così, da poco, non è che avesse degli anelli particolari.
Presidente: Come portavano i ragazzi.
B.B.: Si, ecco.
Presidente: E di norma lei li portava.
B.B.: E di norma lei li portava, si, si.
Presidente: Benissimo, non ho altre domande, possiamo licenziare la signora. Grazie signora, può andare, buongiorno.
B.B.: Buongiorno.

Nessun commento:

 
Blogger Templates