Social Icons

.

venerdì 8 aprile 2016

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 18 marzo 1998 - Quarta parte

Segue dalla terza

Presidente: Senta, un'ultima domanda: il signor Scherma Roberto, gli dice qualche cosa a lei?
Gino Coli: Mah, l’è un signore che ci ha la draga dove lavorava Lotti. Giù, in Pesa. Lo conosco come... qualche volta si serve da noi, a volte, così.
Presidente: E lui è venuto a pagare la macchina del Lotti, o è stato qualcun altro a pagare la macchina dì Lotti?
Gino Coli: A me mi sembrava... No, no, venne lui, mi sembra, a pagare.
Presidente: Venne lui?
Gino Coli: Sì. E il Lotti.
Presidente: Eh?
Gino Coli: Lui... Mi sembra Scherma. Però, come... un me lo ricordo se era lui...
Presidente: O sì o no. Va bene, va bene... Lui afferma non lo sa. Lei deve dire se lo sa, o non lo sa.
Gino Coli: Eh…
Presidente: Non si allontani, perché dobbiamo sentire lo Scherma. Va bene?
Gino Coli: Senz'altro.
Avvocato Mazzeo: Permette un'ultima domanda?
Presidente: Va bene? Ah, mi scusi. Prego.
Avvocato Mazzeo: Prego, Presidente. Senta, visto che siamo nel probabile, giustamente, dopo 13 anni... Ma è mai successo, a memoria sua - mettiamola così - è mai successo che un cliente viene da voi, vede una macchina usata lì, sul piazzale e dice: 'ma tienimela ferma, questa mi interessa', eccetera, eccetera. Va bene? Poi dice: 'la compro'. Vi mettete d'accordo sul prezzo di acquisto. In questo caso mi sembrano 800.000 lire, mi sembra di aver sentito...
Presidente: 800.000 lire, sì.
Avvocato Mazzeo: Quanti, Presidente?
Presidente: Così si dice.
Avvocato Mazzeo: Ecco. Va be', qualunque sia stato. Vi trovate d'accordo; si sa che questo è pronto a pagare; voi telefonate al venditore, quello che ve l'ha affidata, e gli dite: 'guarda, amico, vai giovedì che c'è il notaio, lì all'AGI. Fai la dichiarazione di vendita a favore di...', nome cognome, indirizzo, dati anagrafici, eccetera. Se fate questo è probabile, per dire, che abbiate già i soldi, oppure dovete avere una grande fiducia nell'acquirente.
Gino Coli: Eh.
Avvocato Mazzeo: Perché, se anche non ve li ha dati, ve li darà. Giusta?
Gino Coli: Certo.
Avvocato Mazzeo: Ci siamo fin qui. É mai successo che da questo momento siano passati due mesi, che poi chi ha pagato si ripigli questa macchina e vada a giro?
Gino Coli: No.
Avvocato Mazzeo: Grazie.
Presidente: Prego? 
Avvocato Capanni: Posso fare una domanda? Avvocato Capanni. Mi scusi, in quegli anni, a come ricordo io, era consentito fare i passaggi di proprietà trascrivendo la procura a vendere. Le risulta?
Gino Coli: No. 
Avvocato Capanni: Non che lo facevate voi, o... le risulta che era una prassi consentita? Cioè, faccio un esempio...
Gino Coli: Ma non credo, non credo. 
Avvocato Capanni: ...una persona...
Avvocato Filastò: (voce fuori microfono) 
Avvocato Capanni: Ma quello emerge dopo.
Avvocato Filastò: Ha detto: "Non credo", due volte. Ha detto "No", una volta; e "non credo", la seconda. Avvocato Capanni: E io gli faccio un'altra domanda. É mai accaduto che una persona si sia presentata da voi conosciuta magari, ha lasciato una macchina per venderla, sottoscrivendo una procura notarile - quindi dall'agenzia, presso il notaio — a vendere, poi se ne sia andata e abbia ricevuto comunicazione dell'avvenuta vendita, e i soldi in tempo successivo?
Gino Coli: No. 
Avvocato Capanni: A voi non è mai capitato.
Gino Coli: No. 
Avvocato Capanni: Grazie. 
Avvocato: Una domanda, Presidente, mi scusi. Senta, signor Coli - impostiamola così la domanda — è mai capitato che al momento del contratto non vi sia la copertura assicurativa e quindi si aspetti un po' di tempo prima di consegnarla, quando cioè ci sarà la copertura assicurativa?
Gino Coli: Se non c'ha l'assicurazione senz'altro. Ma... 
Avvocato: Benissimo. Grazie.
Gino Coli: ...mi sembra... Mi sembra di no, in quel caso lì, perché a me mi sembrava ci avesse tutto. E la prese la macchina. 
Avvocato: Le sembra ora?
Gino Coli: No, no, no., 
Avvocato: A quel tempo.
Gino Coli: Sì. 
Avvocato: Le sembrava che avesse...
Gino Coli: Sì, era tutto in regola... 
Avvocato: Da cosa lo deduce che le sembrava che avesse la copertura assicurativa?
Presidente: E allora perché non mi spiega, allora... 
Avvocato: Scusi, Presidente...
Presidente: ... il certificato di assicurazione del 20 settembre? Se è così... 
Avvocato: Da cosa le sembra?
Presidente: Scusi, eh, avvocato. Se è così, se la macchina è tutto in regola il 3 luglio, perché , l'assicurazione parte da 20 settembre? Ce lo dica... 
Avvocato: Eh, guardi che qui l'assicurazione è del 20 settembre, eh.
P.M.: Ma non lo sa...
Gino Coli: Non lo so. Non lo so, mi dispiace. Non lo so. 
Avvocato: Ecco, scusi, questo...
Gino Coli: Non me lo spiego. 
Avvocato: Questo "Mi sembra che ce l'avesse", da cosa deriva, questo…
Gino Coli: Io... Perché normalmente, quando si consegna una macchinai non sta ferma lì o coso... normalmente ci hanno tutto. Se poi, questo, è successo questo, io non lo so. Non me lo ricordo.. A questo punto, io non me lo ricordo. 
Avvocato: Benissimo. Grazie. Questo…
Presidente: Si accomodi, per cortesia. Si accomodi.
Gino Coli: Sì.
Presidente: Rimanga... rimanga un attimo qui.
Avvocato Filastò: Presidente, io dovrei fare una istanza.
Presidente: Chi è? 
Segr. d'udienza: (voce fuori microfono)
Presidente: Allora, faccia venire Scherma Roberto. Benissimo. Faccia venire...
Avvocato Filastò: Presidente, dovrei fare una istanza, io.
Presidente: Mi dica.
Avvocato Filastò: Ora io ho sentito dall'avvocato Bertini - perché prima questa cosa non mi constava...
Presidente: Volevo sentire prima il testimone...
Avvocato Filastò: Presidente, ma può servire, proprio per il testimone.
Presidente: Ah, mi dica allora, benissimo. Allora va benissimo.
Avvocato Filastò: Ho sentito dall'avvocato Bertini che quei contratti, quei documenti assicurativi, sono stati acquisiti perché trovati in una agenda di Lotti. È così, o sbaglio?
Avvocato Bertini: Sì, lo ha detto a me.
Avvocato Filastò: No, vorrei ci desse la conferma...
Avvocato Bertini: Cioè un portadocumenti...
Avvocato Filastò: Un'agenda, portadocumenti... Io vorrei che venisse esibito al Pubblico Ministero il decreto di sequestro di questo portadocumenti. 
Avvocato: No, documenti provenienti dall'imputato possono essere sempre esibiti, in qualsiasi stato o grado...
Presidente: No, no, avvocato, scusi. Faccia parlare...
Avvocato Filastò: Insomma, ma io voglio sapere una cosa, Presidente. Me ne devo andare?
Presidente: (ride)
Avvocato Filastò: No, perché io, alla fine, sono anche disposto ad andarmene.
Presidente: No, no, avvocato, no...
Avvocato Filastò: Quindi noi apprendiamo che il Lotti ha, o una agenda, o portadocumenti, qualche cosa di questo genere, che si riferisce a quest'anno 1985. Allora apprendiamo che non è stata sequestrata. È così? Sì...
Avvocato Bertini: Non è un'agenda... 
P.M.: Evidentemente... evidentemente, se tira fuori dei documenti...
Avvocato Filastò: Eh, insomma, Presidente... Ne prendiamo atto. Però, a questo punto, a questo punto, questo portadocumenti, qualunque cosa esso sia, con tutti i documenti che ci sono dentro, riferendosi al 1985, immediatamente va tirato fuori e sequestrato e portato agli atti. Bene, Presidente? Mi pare che questo sia il meno che si possa... É vero che è tardi, che è passato molto tempo, ma visto che è venuto fuori, a questo punto, lo acquisisca immediatamente la Corte. E questo è
Avvocato Mazzeo: Povero Faggi gli hanno sequestrato due casse di agende, Presidente... Scusi, pazienza.
Avvocato Filastò: Ma scherziamo, Presidente! (voce fuori microfono) Ma scherziamo! Ma come?
Presidente: Allora, va bene, ho capito. Andiamo, facciamo entrare il teste.
Avvocato Filastò: Poi...
Presidente: Avvocato Bertini, cos'è questo documento che ha...
Avvocato Bertini: Presidente, il discorso è questo:'non c'è: un riferimento '85. Quello è un porta.... è un inserto in cui ha preso... essendo degli appunti, dei fogli di carta, ha preso questi certificati. Non è un'agenda dell'85.
Avvocato Filastò: E gli appunti, qualunque cosa sia, a noi ci serve. Gli appunti, tutto.
Avvocato Bertini: Sono documenti, proprio, d'identità. 
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: Sennò sembra che uno è un prestigiatore che tira fuori dal cilindro.
Presidente: Va be', prendiamo atto dell'istanza poi provvederemo, venga avanti.
Avvocato Mazzeo: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Ma insomma, scusi, Presidente, ma si può vedere questa cosa? Almeno vedere...
Presidente: Senta avvocato... 
(voci sovrapposte)
Avvocato Filastò: Si può vedere?
Presidente: Avvocato, abbia pazienza, ha fatto l'istanza, basta, finiamola lì poi la Corte provvederà. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Se il commissario non... che le posso dire? 
(voci sovrapposte)
Avvocato Filastò: La privacy? La privacy? Con dieci morti?
P.M.: Scusi ma tutti i documenti di Vanni sono in questo processo?
Avvocato Filastò: Accidenti! C'è duecento lettere spedite dal carcere da questo poveromo. Ma che scherziamo!
P.M.: (voci sovrapposte)
Avvocato Filastò: (voce fuori microfono)
Presidente: Va bene.
P.M.: Onde evitare inutili polemiche, se la Corte crede, va a vedere in casa di Vanni quante cose ci sono che non sono state sequestrate...
Avvocato Filastò: Ci son state! Non c'è un accidente dì niente. É la casa più nuda che abbia mai visto in vita mia.
Avvocato Mazzeo: É quaranta metri quadrati. 
(voci sovrapposte)
P.M.: La Corte può andare a vedere...
Presidente: Va bene. Ora venga il teste.
P.M.: Comunque, io credo che le cose che sono state sequestrate sono a disposizione.
Presidente: Venga lei, venga lei, venga. Poi deve venir suo fratello. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Non si preoccupi delle voci. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Signori, basta ora, eh, signori.
Avvocato Bertini: Mai vista una cosa del genere. Non ho detto un'agenda, non dell'85.
P.M.: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: (voce fuori microfono) 
(voci sovrapposte)
Presidente: Cosa? 
(voci sovrapposte)
Avvocato Mazzeo: Presidente... con molta serenità ho rilevato che certi documenti che la Corte nella sua ordinanza di ieri richiedeva, correttamente, al Pubblico Ministero...
Presidente: C'è il verbale di sequestro.
Avvocato Mazzeo: Appunto perché non risultavano consegnati alla Corte, quando invece risultavano i verbali di sequestro. Stamattina venivano consegnati...
P.M.: C'è l'elenco, per fortuna c'è l'elenco.
Avvocato Mazzeo: ...venivano consegnati dall'avvocato Bertini. Io ho chiesto, con molta... dell'avvocato Bertini... (voci sovrapposte)
P.M.: No, no, no .
Avvocato Mazzeo: Ma questi documenti chi li sta consegnando?
P.M.: No, no, no, no.
Avvocato Mazzeo: Come no? L'ha consegnati Bertini e mi ha detto che venivano dalla sua agenda.
P.M.: No, no, no, no e no.
Avvocato Mazzeo: Come no? C'è un verbale.
P.M.: La confusione... la confusione è confusione. Presidente, mi scusi... 
Presidente: Prendiamo il verbale, prendiamo il verbale...
P.M.: Correttamente glielo legga.
Avvocato Mazzeo: Ma perché deve fare così, ma poi è Bertini che l'ha consegnati questi qui, non il Pubblico Ministero. 
(voci sovrapposte)
P.M.: Per carità...
Presidente: Ora c'è il verbale, lo verifichi lei e veda... tutti e due, vai. Per carità.
P.M.: (voce fuori microfono)
Presidente: Allora, sentiamo intanto il testimone, lì. Come si chiama lei? Scherma Roberto? 
Roberto Scherma: Schema Roberto, sì. 
(voci sovrapposte)
Presidente: Capisco che... Pubblico Ministero un po' di pazienza, sennò non arriviamo in porto, qui.
P.M.: Sì, Presidente, ma si continua a fare illazioni...
Presidente: Eh, allora, Scherma Rob... e va be'...
Avvocato Mazzeo: (voce fuori microfono)
Presidente: Scherma Robe...
P.M.: (voce fuori microfono) 
(voci sovrapposte) 
Presidente: Avvocato Mazzeo, Mazzeo, ora la smetta sennò a questo punto bisogna prendere provvedimenti.
Avvocato Bertini: Sono agende... Fra l'altro ci sono anche documenti dell'86, se non sbaglio, da me prodotti, quindi non c'è solo l'85 e basta.
P.M.: (voce fuori microfono)
Presidente: Andiamo. 
(voci fuori microfono)
Presidente: Così si fa al mercato, così si fa al mercato. 
(voci sovrapposte) 
Presidente: Avvocati, così si fa al mercato, meno male che ci sono le telecamere di questo spettacolo che si porta nelle case d'Italia.
Avvocato Filastò: (voce fuori microfono) 
(voci sovrapposte)
P.M.: Eh, c'è un verbale di sequestro con l'elenco e l'ha consegnato il Pubblico Ministero. Per cortesia, prima di dire le cose, lo guarda, poi. vedrà che...
Avvocato Mazzeo: Insomma, quei tre documenti che mi ha dato cortesemente al Giudice a Latere, provenivano dal Pubblico Ministero o dall'avvocato Bertini?
Presidente: Dall'avvocato Bertini.
Avvocato Mazzeo: Oh, grazie...
P.M.: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: (voce fuori microfono)
Avvocato Mazzeo: (voce fuori microfono) 
(voci sovrapposte)

Nessun commento:

 
Blogger Templates