Social Icons

.

giovedì 6 novembre 2014

Gino Cirri - Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 17 dicembre 1997 - Terza parte

Segue dalla seconda parte.

Presidente: C'è Cirri Gino?
Avvocato Zanobini: Sì, Cirri Gino.
Presidente: Senta, vuole essere ripreso dalle telecamere, o no?
Gino Cirri: No.
Presidente: No. Bene, niente telecamere, per cortesia. Come si chiama lei?
Gino Cirri: Cirri Gino.
Presidente: Dov'è nato, dove risiede?
Gino Cirri: Xxxxxxxx...
Presidente: (voce fuori microfono)
Gino Cirri: Ah, XX/XX/XX
Presidente: Legga questa formula.
Gino Cirri: Sì. "Consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione, mi impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla di quanto è a mia conoscenza".
Avvocato Zanobini: Senta, signor Cirri.
Gino Cirri: Dica, avvocato.
Avvocato Zanobini: Lei è di Xxxxxxxx, eh?
Gino Cirri: Sì.
Avvocato Zanobini: Ha sempre vissuto a Xxxxxxxx?
Gino Cirri: Sempre. Nato e vissuto.
Avvocato Zanobini: E conosce l'avvocato Corsi?
Gino Cirri: Sì.
Avvocato Zanobini: Da quanto tempo?
Gino Cirri: Era studente, ancora, da quando lo conoscevo. Siamo sempre stati insieme... una vita, insomma.
Avvocato Zanobini: Che era amico di famiglia?
Gino Cirri: Amico di famiglia..
Avvocato Zanobini: E...
Gino Cirri: ... ho conosciuto il su' babbo...
Avvocato Zanobini: E che rapporto ha con l'avvocato Corsi? Anche attualmente.
Gino Cirri: Ci vo il lunedì, quando fo ufficio, sto al telefono, fo la posta...
Avvocato Zanobini: Da quanto tempo, questo?
Gino Cirri: Eh, da molti anni.
Avvocato Zanobini: Perché lei è pensionato, no?
Gino Cirri: Sì, sì.
Avvocato Zanobini: E, quindi, prende le telefonate per...
Gino Cirri: Le telefonate, fo la posta, quella che c'è da fare, insomma.
Avvocato Zanobini: Ecco. Si ricorda all'incirca da quanto tempo l'avvocato Corsi si è trasferito a Firenze?
Gino Cirri: Sarà un 15-16 anni.
Avvocato Zanobini: Ecco, e in questi 15-16 anni, quali sono i giorni che l'avvocato Corsi viene a San Casciano, fa lo studio a San Casciano?
Gino Cirri: Viene il lunedì e il giovedì, qualche volta è assente. Ma insomma, il lunedì e il giovedì sera.
Avvocato Zanobini: Ecco, e in questi giorni lei c'è sempre lì.
Gino Cirri: Sì, sì, son sempre lì, io.
Avvocato Zanobini: Può dire se l'avvocato Corsi, in questi giorni, nelle pause dello studio, dell'ufficio, frequenta, va al bar?
Gino Cirri: Fa l'ufficio, poi si va a mangiare su, in casa sua, dalla su' mamma...
Avvocato Zanobini: Lei, insieme a lui?
Gino Cirri: Sì, sì, sempre.
Avvocato Zanobini: E poi?
Gino Cirri: E poi si prende il caffè e si fa un giretto in campagna, così. Poi si rientra in ufficio e ci si rimette a lavorare.
Avvocato Zanobini: Senta, e lei conosce anche il Vanni?
Gino Cirri: Sì.
Avvocato Zanobini: E che abitudine ha il Vanni lì in paese come, diciamo, posto in cui magari si trova più frequentemente?
Gino Cirri: Lo vedo ni' caffè a prendere il caffè, o a sedere fori, se è la stagione bona...
Avvocato Zanobini: A sedere fuori, dove?
Gino Cirri: Fuori il bar, lì.
Avvocato Zanobini: E l'ha mai visto l'avvocato Corsi parlare col Vanni?
Gino Cirri: No, un l'ho mai visto.
Avvocato Zanobini: Eh?
Gino Cirri: Oddio, qualche volta gli diceva: 'avvocato, m'hanno perquisito...' e l'avvocato gli dicea: 'ma stai tranquillo', ecco, e basta.
Avvocato Zanobini: Ecco e in queste occasioni ricorda come il Vanni si rivolgeva all'avvocato Corsi?
Gino Cirri: Diceva: 'signor avvocato...'
Avvocato Zanobini: Diceva...?
Gino Cirri: 'Signor avvocato, m'hanno riperquisito un'altra volta', ma così, di sfuggita, eh, passando.
Avvocato Zanobini: Sì. E può dire, quindi, se l'avvocato Corsi con il Vanni era amico, o no?
Gino Cirri: Conoscente, così... come siamo tutti in un paese, vero.
Avvocato Zanobini: Sa se l'avvocato Corsi è mai andato da solo, da solo, a cena col Vanni? A cena a casa del Vanni?
Gino Cirri: Lo escludo assolutamente. Lo escludo. Perché anch'io l'ho invitato tante volte, non va da nessuno.
Avvocato Zanobini: Ecco. Lei, invece, ha partecipato con l'avvocato Corsi a delle cene?
Gino Cirri: Sì, sì.
Avvocato Zanobini: E a queste cene ricorda se c'era anche il Vanni?
Gino Cirri: Sì, c'era anche il Vanni.
Avvocato Zanobini: Bene. E che tipo di cene erano?
Gino Cirri: Cene di 30-40 persone, così. Si faceva una cena una volta l'anno...
Avvocato Zanobini: E dove le facevate, dove avvenivano, in casa privata di qualcuno...
Gino Cirri: No, no, in una trattoria, in una trattoria qualunque.
Avvocato Zanobini: Ah. E da quanto tempo c'è la tradizione di queste cene?
Gino Cirri: Eh, molti anni.
Avvocato Zanobini: Senta, e ricorda in particolare una cena in cui non c'era il Vanni?
Gino Cirri: Sì. ora, il periodo, un glielo posso dire, un me lo ricordo, ma...
Avvocato Zanobini: No, mi basta di sapere...
Gino Cirri: ... una cena...
Avvocato Zanobini: Ricorda di una cena in cui il Vanni...
Gino Cirri: Sì, sì, una cena, quella sera un c'era.
Avvocato Zanobini: E perché?
Gino Cirri: E mi dissero che gl'era in Questura, l'avevano incontrato in Questura, una cosa così.
Avvocato Zanobini: E sa se l'avvocato Corsi è stato Consigliere Comunale, per un qualche partito?
Gino Cirri: Sì, sì. Partito Socialista.
Avvocato Zanobini: Uhm. E sa se è mai andato a cene di altri partiti?
Gino Cirri: No, lo escludo assolutamente.
Avvocato Zanobini: Il Vanni sa di che partito era?
Gino Cirri: Era simpati... Credo io, eh, simpatizzante di Alleanza Nazionale.
Avvocato Zanobini: Ah. E ricorda che il Vanni, se il Vanni una volta è venuto in studio?
Gino Cirri: Sì, ce l'ho visto una volta.
Avvocato Zanobini: Quante volte?
Gino Cirri: Una volta sola l'ho visto io.
Avvocato Zanobini: E il periodo se lo ricorda qual'era?
Gino Cirri: Il periodo come...
Avvocato Zanobini: Non no, non m'interessa l'anno. Voglio dire, scusi eh, ha ragione, le faccio un'altra domanda prima. Ricorda se c'è stato un periodo in cui il Vanni si lamentava che la Polizia gli stava dietro e lo interrogavano...
Gino Cirri: Questo, questo gl'è normale, lo diceva a tutti. Anche a me. Dice: 'guarda, c'enno stati un'altra volta...' E gli dicevo: 'stai tranquillo...'
Avvocato Zanobini: Ecco, e ricorda, allora, qual'è il periodo in cui il Vanni venne una volta in studio dall'avvocato Corsi?
Gino Cirri: Questo un me lo ricordo.
Avvocato Zanobini: Non se lo ricorda. Forse era questo in cui si lamentava, oppure no? Era il periodo in cui lui era...
Gino Cirri: Sì, il periodo, il periodo...
Avvocato Zanobini: Si lamentava...
Gino Cirri: ... delle perquisizioni, sì.
Avvocato Zanobini: Ecco.
Presidente: Il periodo? Delle perquisizioni?
Gino Cirri: Come?
Presidente: Cosa ha detto? Era il periodo delle perquisizioni?
Gino Cirri: Delle perquisizioni. Quando diceva che lo perquisivano e...
Avvocato Zanobini: E lo ha mai sentito il Vanni parlare con l'avvocato Corsi al bar, o in piazza, di questi suoi guai?
Gino Cirri: No...
Avvocato Zanobini: Non l'ha mai sentito.
Gino Cirri: No, diceva: 'avvocato, signor avvocato, mi hanno riperquisito', queste parole qui.
Avvocato Zanobini: Ah, ecco, allora sì.
Gino Cirri: Sì, sì. No...
Avvocato Zanobini: In questi termini, voleva dire. Sì, sì. Senta, quindi lei, praticamente, nei giorni in cui l'avvocato Corsi tiene ufficio, studio a San Casciano, sta lì davanti alla sua stanza...
Gino Cirri: Sì, sì.
Avvocato Zanobini: ... riceve telefonate...
Gino Cirri: Sì, sto fuori della stanza, ma insomma, ci sono.
Avvocato Zanobini: Ecco, riceve i clienti...
Gino Cirri: I clienti, sì, sì.
Avvocato Zanobini: ... prende qualche telefonata, eccetera.
Gino Cirri: Sì.
Avvocato Zanobini: Ricorda se è venuta una qualche volta... La conosce lei una certa Bartalesi?
Gino Cirri: Bartalesi?
Avvocato Zanobini: Una nipote del Vanni.
Gino Cirri: Ah, sì.
Avvocato Zanobini: Eh?
Gino Cirri: Bartalesi la conosco.
Avvocato Zanobini: Si chiama Bartalesi Alessandra, glielo dico io.
Gino Cirri: Sì, sì, la c'è stata con la su' mamma e co' i' su' babbo.
Avvocato Zanobini: Ecco. E c'era anche lei?
Gino Cirri: Sì, una volta ce li ho visti, io.
Avvocato Zanobini: Non lo sa perché son venuti lì, no?
Gino Cirri: Questo, non glielo so dire.
Avvocato Zanobini: No, bene. Va bene. E a queste cene lei ricorda qualcun altro, tra l'avvocato Corsi, diciamo, quindi professionista come l'avvocato Corsi, che ci partecipava?
Gino Cirri: Professionisti c'è stato il dottor Mancini e il dottor Bigiotti. Poi...
Avvocato Zanobini: Eh. E come mai ricorda di questa cena in cui il Vanni non c'era?
Gino Cirri: Perché si esibì un... si chiama Manolo, fa lo spagnolo, fa. E balla il... il tango spagnolo, il bolero, icché gl'è. Anzi, gli sfondò anche un tavolino, sicché fu tutta una risata generale.
Avvocato Zanobini: E cioè, in questa cena in cui mancava il Vanni, se ho capito bene, non c'era il Vanni, ma c'era questo Manolo.
Gino Cirri: Sì, si esibì il Manolo, ecco.
Avvocato Zanobini: Ho capito. Allora, anche a lui, Presidente, chiederei di far vedere queste foto... Presidente: Bene.
Avvocato Zanobini: ... perché se ci si riconosce, se...
Gino Cirri: Sì, siamo a cena. Quindi c'era Manolo, eccolo qui. E qui si balla... Sì, sì, è una cena... Sì, sì, questa è una cena... Sì, sì, questa è la cena...
Avvocato Zanobini: Presidente, io non avrei altre domande.
Presidente: Pubblico Ministero, lei?
P.M.: Nessuna, grazie. Ha già risposto a quello che volevo sapere io.
Gino Cirri: Posso andare?
Presidente: Senta, lei aveva detto che il Vanni è venuto una volta allo studio...
Gino Cirri: Sì, una volta è venuto allo studio, sì.
Presidente: Può ricordare l'epoca?
Gino Cirri: Mah, gliel'ho detto, il periodo non me lo ricordo.
Presidente: E lei sa dire una volta solo...
Gino Cirri: Sì, io l'ho visto solo una volta. Lì, Dall’avvocato.
Presidente: Appunto.
Gino Cirri: E si è intrattenuto alcuni minuti, non molto.
Presidente: Molti anni fa, un anno fa...
Gino Cirri: Sì, qualche anno fa. Ora, preciso, non glielo so dire.
Presidente: E perché era venuto?
Gino Cirri: Mah, questo un lo so.
Presidente: Aveva preso contatti con lei, prima di venire.
Gino Cirri: No...
Presidente: O era venuto...
Gino Cirri: No, no, venne di suo, voleva parlare con l'avvocato...
Presidente: E venne il giorno che c'era l'avvocato.
Gino Cirri: Sì, il giorno che viene l'avvocato a San Casciano.
Presidente: Va bene. Era il periodo,... allora, è venuto prima o dopo quella cena in cui il Vanni non è venuto alla cena?
Gino Cirri: Ma sa, le cene si facevano una volta l'anno, la sera...
Presidente: Appunto, una volta l'anno.
Gino Cirri: Sì, però...
Presidente: Lei ha detto che il Vanni non ha partecipato ad una cena in cui c'era il ballerino spagnolo...
Gino Cirri: Sì.
Presidente: ... in cui lei ricorda il particolare che aveva sfondato un tavolo.
Gino Cirri: Ora, se il Vanni gl'è venuto prima...
Presidente: Scusi, lasci parlare.
Gino Cirri: Ah, sì, sì.
Presidente: Lei ricorda questo particolare del ballerino spagnolo che aveva sfondato il tavolo.
Gino Cirri: Sì, ecco.
Presidente: Io domando: il Vanni è venuto allo studio dall'avvocato Corsi, prima di questa cena, o dopo questa cena?
Gino Cirri: Gliel'ho detto, questo un... unn'ho ricordanza. Un me lo ricordo, ora un me lo ricordo se gl'è venuto prima o dopo...
Avvocato Zanobini: Non se lo ricorda.
Presidente: Va be'.
Avvocato Zanobini: È genuino.
Presidente: Può andare, grazie. Mi meraviglia un po', ma, in ogni modo...
Gino Cirri: No, veramente no.
Presidente: Bene. Può andare.
Gino Cirri: Per dirgli la verità...
Avvocato Zanobini: A me avrebbe meravigliato se avesse detto...
Presidente: Va bene.
Avvocato Zanobini: ... quello che conveniva che dicesse...
Presidente: Può andare, grazie. Può andare.
P.M.: Presidente, per quanto possa valere, io chiedo… non ho domande al teste ...
Presidente: Ah.
P.M.: ... di poter produrre, che è un atto...
Presidente: Ah, c'è anche un altro teste. Vogliamo...
P.M.: Sì, sì, ma era in concomitanza con queste deposizioni.
Presidente: Ah benissimo.
P.M.: ... sennò me ne dimentico Solo per questo.
Presidente: Ah...
P.M.: Me lo sono segnato, ma. . .
Presidente: Dica.
P.M.: Vorrei produrre... Il teste può andare.
Presidente: Può andare, può andare lei, signor Cirri.
Gino Cirri: Buongiorno.
P.M.: Ripeto, per quello che può valere, siccome un teste prima ha parlato di nomine, di avvocati... e noi abbiamo identificato, forse correttamente, ma, comunque, sulla base di quello che ci è stato detto, che poteva essere l'avvocato Pepi, io produco - per quel che possa valere, ovviamente - l'atto di nomina dell'avvocato Pepi da parte del Vanni che risale al momento della comunicazione giudiziaria. Non l'ho qui materialmente. Chiedo di poterlo produrre.
Presidente: Va bene.
P.M.: Perché... Così, si valuterà.
Presidente: Benissimo. 
Segue...

Nessun commento:

 
Blogger Templates